il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 93 ospiti - 2 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 4
Messaggio

Visita loc. Chiarchiarmas da F.lla Forchiazza

31-01-2012 00.00
Pietro_Casarsa Pietro_Casarsa
Buongiorno,
Poco tempo fa ho visitato la località abbandonata Chiarchiarmas in Val di Cuna passando per F.lla Forchiazza. Luogo affascinante e stupendo. Dalla località c'è una traccia che si inoltra nella Valle presuribilmente verso il Pian delle Rope. Qualcuno per caso l'ha percorsa di recente?
Grazie mille per l'attenzione
Messaggio
31-01-2012 00.00
Salvàn Salvàn
In carta Tabacco è segnato un sentiero che dai pressi di Marins in Val d'Arzino sale alla Forchiazza e da questa scende a Chiaschiarmas. Sei passato per questo? La traccia è ancora visibile?
Ho letto che Chiaschiarmas fu il prino nucleo abitato del “Cjanal” di Cuna (ancora nel XVII sec., e popolato dai Tramontini). Una storia affascinante. Chi volesse saperne di più veda http://canaldicuna.blogspot.com/2011/09/il-libro-di-lorenzini.html
Messaggio
01-02-2012 00.00
Pietro_Casarsa Pietro_Casarsa
Il sentiero che sale da Marinis è ancora molto evidente. Ci sono solo punti dove stare attenti :
1) Il guado dell'Arzino su ponte pedonale non c'è più in quel punto. Bisogna attraversa sul ponte per le macchine vicino a Valentinis e poi risalire su pista sterrata il torrente
2) La Parte iniziale non è molto evidente. Bisogna costeggiare il rio che scende dalla Forcella (a dx del rudere) fino ad muretto a secco e da li svoltare a dx. Da li la traccia si fa più evidente.
Dalla F.lla, per scendere alla località, è presente un evidente bollo in basso di partenza della traccia. Da li, arrivati ad un rudere bisogna attraversare il rio e seguire con attenzione i radi bolli rossi. Arrivati alla fine del primo costone bisogna svoltare a dx, qui la traccia è incerta, scendere nel rio per 5 min e cercare la traccia mantenendosi con un andamento discendente in traverso.
Ho letto pure io nel libro che citi, la storia del posto.
Messaggio
01-02-2012 00.00
Salvàn Salvàn
Grazie mille per la dettagliata descrizione.
Mandi e buone montagne!
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva