il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 167 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 17
Messaggio

Accoglienza in rifugio

02-10-2011 00.00
lucaemartina lucaemartina
Ciao a tutti ! Volevamo sapere se anche a qualcuno di voi é capitata la stessa cosa...noi sarà la quarta volta che ci si ferma al rifugio Pellarini e per la quarta volta notiamo l'incredibile scortesia dei gestori...una volta arriviamo alle 8.30 e chiediamo un caffé e la risposta "così presto???", un'altra volta per mangiare alle 14.30 (affamati dopo ore e ore di "pedalata" su e giù per i monti)bisognava prima vedere se la cucina "era aperta"...ma a parte questo é proprio la completa mancanza di saper accogliere un "cliente" con cortesia e con un sorriso a lasciarci allibiti..é come se fermandosi lì, invece di fargli un piacere gli si desse fastidio...davvero spiacevole per un bel rifugetto piazzato in un posto così meraviglioso ! ciao
Messaggio
02-10-2011 00.00
luca.deronch luca.deronch
Io conosco personalmente i gestori di qualche anno fa, iscritti nella mia sezione CAI e mi hanno sempre detto che la gestione di un rifugio come il Pellarini non è per niente facile, si rischia veramente di andar fuori di testa. Credo che a differenza dei rifugi/ristoranti delle dolomiti firmate, qui sia un pò più duretta. Portate pazienza.....
Messaggio
03-10-2011 00.00
luca_di_collina luca_di_collina
A parte l'umore mi stupisce la poca elasticità di alcuni gestori (non del Pellarini):
- una volta le ho sentite perché siamo arrivati alle 19 (dopo aver prenotato) ed eravamo in ritardo per la cena (e agli altri commensali non era neanche stato servito il primo);
- un'altra ho chiesto una pasta alle 12.15 e mi sono sentito dire che la cucina serviva da mangiare dalle 13.30;
Non dico che tutti debbano svegliarsi a darmi la colazione alle 5 (come al rifugio Venezia al Pelmo) ma certe cose mi sembrano veramente bizzarre.
Per il caso in oggetto: forse l'isolamento, soprattutto a fine stagione, si fa sentire.
Mandi.
Messaggio
03-10-2011 00.00
marcocar marcocar
Barbara è simpatica e ci mette passione, basta parlarci per entrare in sintonia. Proprio oggi è su a chiudere la baracca per la fine stagione. Il rifugista è per definizione uomo (o donna) della montagna, a volte lontano dall'accoglienza figlia del marketing tipica delle città. Va capito l'ambiente, tutto. Credo che come diceva Luca serva avere a volte un po' di pazienza per chi porta avanti con enormi difficoltà un mestiere difficilissimo e che in certi momenti della stagione può diventare avvilente (e questo si registra confrontandosi con diversi rifugisti dei nostri monti). Basti pensare a un sabato di piena stagione e bel tempo con 5-6 coperti a pranzo e nullapiù, magari vedendo passare 30 altre persone che scendono a pranzare a valle o al sacco, sapendo che il giorno successivo pioverà e a dormire ci sarà solo una coppia di tedeschi che salirebbe anche con la tormenta... non è facile.
Messaggio
03-10-2011 00.00
Gio75 Gio75
A maggior ragione...
Se già la situazione è dura, non è che trattando male i clienti migliori.. anzi.. fai scappare anche quei pochi che vorrebbero fermarsi!!!
Da che mondo e mondo essere gentili non costa nulla e nel commercio è la migliore pubblicità!!!
Messaggio
03-10-2011 00.00
Ste Ste
ciao,
ti dirò che anch'io al primo impatto col pellarini quest'anno avevo avuto la tua stessa impressione, stavo quasi per andarmene, poi però prima di andar via ho scambiato due parola con barbara e mi sono ricreduto. però si, il primo impatto è stato anche per me così, sarà come hanno detto gli altri, sicuramente non è una scortesia voluta!
Messaggio
03-10-2011 00.00
luca.deronch luca.deronch
è una storia che si ripete quella di lamentarsi dei rifugi. Cercar di capire a volte vuol dire dare una piccola mano... Ci sono tanti rifugi "a portata di mano" molto più scorbutici. Magari se ci parli un po con il gestore , senza pretendere troppo e senza premura, scopri davvero delle brave persone.
Messaggio
03-10-2011 00.00
Pietro. Pietro.
Debbo necessariamente prendere le difese della gestrice, Barbara, che il 27 agosto ho conosciuto per aver pernottato al Pellarini con altri amici. Malgrado triestina ha la tempra del montanaro, parla il giusto e fa il giusto, senza troppi fronzoli. Certo, i montanari li capisci solo se li frequenti un po', non da subito. Forse è un caso isolato il tuo, poichè personalmente, come anche i miei amici, abbiamo tratto una buona impressione sul servizio e le attenzioni ricevute. Auspico che col prossimo anno, tornerai in quei bei luoghi ed entrando al Pellarini, avrai modo di cambiare opinione su chi ci lavora. Mandi e Buona Montagna. Pietro.
Messaggio
04-10-2011 00.00
mitchbassist@libero.it mitchbassist@libero.it
Anch'io, come l'amico Pietro, ho trovato molto cortese e attenta al nostro pernottamento l'amica Barbara. Aggiungo inoltre che ho avuto il piacere di pernottare al Pellarini quest'anno in altra occasione, e che il servizio ci ha lasciati sempre soddisfatti. Buone montagne a tutti
Messaggio
04-10-2011 00.00
Giulio TS Giulio TS
Ciao Pietro almeno tra appassionati di montagna cerchiamo
di non buttarla sul campanillismo non capisco perchè scrivi
malgrado Triestina se uno ha la passione e la capacità di
gestire un rifugio anche se proviene dallo Zimbawe non vedo perchè non debba poterlo fare . Io sono di Trieste per 2 anni ho dato una mano come volontario alla sezione di Mestre nella conduzione del Galassi in zona S. Vito di Cadore ho servito clienti veneti , friulani , tedeschi, sloveni, romani ma nessuno mi ha mai chiesto da dove provenissi . Se qualche volta è stato fatto era tanto per scambiare qualche chiacchera assieme e per complimentarsi con me e gli altri componenti la squadra per come lavoravamo e per il fatto che mettevamo a disposizione degli altri il nostro tempo libero e le nostre ferie .
Ciao e buone camminate
nostro tempo libero e le nostre vacanze tuto
Messaggio
04-10-2011 00.00
luca.deronch luca.deronch
Secondo me Pietro non intendeva offendere nessuno ma forse solo semplicemente dire che la sua provenienza non era proprio di montagna , poteva essere di Venezia o Napoli insomma. e per questo forse ha ancora maggior valore, per l'impegno e per tutto il resto....... lassù siamo tutti uguali, almeno lassù......
Mandi
Messaggio
06-10-2011 00.00
giorgiosandri@tin.it giorgiosandri@tin.it
Sono dispiaciuto per la Vostra esperienza negativa al Rifugio Pellarini.
Ho girato la Vostra mail all'ispettore del Rifugio e contesteremo sicuramente alla gestrice la Vostra segnalazione all'atto del rinnovo del contratto.
Meglio sarebbe se reindirizzereste il reclamo con nome, cognome ed indirizzo a: segreteria@caisag.ts.it.
Grazie.

giorgio sandri
vicepresidende Società Alpina delle Giulie - Trieste
Messaggio
06-10-2011 00.00
Fausto_Sartori Fausto_Sartori
Trovo singolare che si valutino, e si contestino, solo le segnalazioni negative, con conseguenze magari nefaste per chi le subisce. E le segnalazioni positive che fine fanno?
Messaggio
08-10-2011 00.00
Paolo Paolo
Concordo con quanto dice il Sig. Sartori ed aggiungo che secondo me certe lamentele in primis andavano fatte direttamente alla gestrice del rifugio.
Mandi
Paolo
Messaggio
16-10-2011 00.00
Guido Guido
Per alcuni rifugi uso un noto detto: SE LO CONOSCI LO EVITI. A parte le facili battute, il lavoro del gestore non è nè facile nè riposante ma ciò non toglie che essere scortesi e maleducati mai dovrebbe comparire tra le caratteristiche di una persona a contatto con dei "clienti". Personalmente, le due volte che mi sono fermato al Pellarini (due estati fa), ho ricevuto un trattamento corretto.
Messaggio
07-11-2011 00.00
Pietro. Pietro.
Luca, ti ringrazio di aver dato risposta in mio nome e conto, alla nota di Giulio. Se ci incontreremo "su pai monts" avrai una birra pagata. Naturalmente, se incontrerò Giulio invece . . . me la farò pagare da lui. Mandi ad entrambe. Pietro.
Messaggio
06-07-2012 11.27
carisha carisha
Una buona occasione per"saggiare"l'accoglienza al rifugio Pellarini può essere senz'altro la CENA a base di pesce ed assaggio vini del 21/7/2012 al prezzo di 45 euro con pernottamento e colazione inclusa!
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva