il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 75 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 6
Messaggio

informazione Col Nudo

09-09-2010 00.00
sandra.bottega sandra.bottega
Ciao a tutti!
Ho letto in data 25 agosto che il signor Luca da Collina aveva intenzine di salire da Cellino al Col Nudo vorrei avere notizie sul percorso e lo stato del sentiero
Grazie Sandra
Messaggio
13-09-2010 00.00
luca_di_collina luca_di_collina
Fatta ieri in solitaria, spero che le prossime info in attesa della relazione che invierò siano utili:
TEMPI: posto che sono abbastanza allenato ho impiegato in salita 3h 50' (di cui 45' in MTB dal parcheggio a casera Gravuzza) e in discesa 3h 10' (di cui 15' in MTB) il tutto comprensivo di piccole soste salva-ginocchia, per completezza la tabella a casera Gravuzza indicava 4h di sola salita.
ACCESSO: diversamente da quanto segnalato sulla Tabacco e riportato dall'unica relazione che ho trovato il divieto di transito non si trova a quota 602 (dove ho lasciato l'auto e si vede un palo senza segnale) ma sopra la radura di casera Gravuzza, se non si ha un'auto eccessivamente bassa si può percorrere anche questo tratto in cui i lavori di sistemazione sono in fase conclusiva (i pezzi più ripidi sono asfaltati) portando dislivello e tempi a livelli più ragionevoli.
ORIENTAMENTO: segnavia sufficienti, è sufficiente fare attenzione, una decina di minuti dopo l'attraversamento di un rio alla testa della valle (con breve discesa e stillicidio) in cui bisogna tenere la sinistra evitando la traccia principale che senza segnavia prosegue su una cengia erbosa vicino a due grotte.
DIFFICOLTA': dal termine della valle ci si inerpica molto faticosamente su ripidi prati (che possono essere anche bagnati per la rugiada) con 2 passaggi 'problematici': il primo è un traverso su placche appoggiate che valuterei di II e che non vorrei proprio fare in discesa in caso di pioggia (anche perché un po' esposto), il secondo è una paretina di I sup. con un vecchio cordino che al massimo si può sfruttare per l'equilibrio. Per quanto riguarda il tratto sommitale le difficoltà si limitano ad un canalino di II inf. non esposto e ben appigliato e al superamento di una tratto di cresta di una decina di metri che alla peggio si può fare a cavalcioni.
Consigliatissimi i bastoncini telescopici da riporre nelle zaino nei tratti traverso-paretina attrezzata e canalino-cima.
Sintesi: una faticaccia ma un panorama impressionante (certe cime lontane con neve non sono riuscito a riconoscerle)
Mandi.
Messaggio
13-09-2010 00.00
paolog paolog
Premetto che sono un escursionista "a due zampe" e mi limito alle "E".... In ogni caso tempo fa mi hanno dato questo link ad un programmino che potrebbe essere utile per "vedere" i panorami prima o dopo un escursione....
A me funziona bene con Google Chrome

http://www.udeuschle.selfhost.pro/panoramas/makepanoramas_en.htm
Messaggio
13-09-2010 00.00
sandra.bottega sandra.bottega
Grazie per le notizie.Speravo fosse piu semplice.
Ciao Sandra
Messaggio
16-09-2010 00.00
cjargnel cjargnel
Ho trovato molto interessante l'indicazione.
Grazie mille e buone escursioni.
Mandi. Vanni.
Messaggio
16-09-2010 00.00
Lauro Lauro
Una salita molto meno impegnativa la puoi fare dal versante dell'Alpago evitando anche la cresta finale che se non sei avvezza ti mette i brividi..
Ciao
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva