il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 185 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 4
Messaggio

Jof Fuart e dintorni

09-06-2004 00.00
Gianluca Spizzo Gianluca Spizzo

ciao a tutti

è arrivato il caldo, e speriamo che col caldo si possa andare anche in alto (sono stufo di fermarmi a 1500 metri per neve...)

tosi, 2 domande: prima, come è la salita alla Forcella Lavinal dell' Orso per la Spragna, in termini di difficoltà/fatica?

seconda: la Cengia degli Dei di cui parla Kugy, cioè il sentiero che dovrebbe partire dalla Forcella di Riobianco, passare sul fianco dell' Innominata e delle Madri dei Camosci, per terminare all' intaglio che permette la salita al Jof Fuart, è per caso il primo tratto del Sentiero Anita Goitan? Se sì, c'è qualcuno di voi che l'ha fatta? Come è in termini tecnici (difficile, che grado, occorre imbragatura/moschettoni/dissipatore, bisogna solo stare attenti, ecc.)?

Tanto per scherzare un po', ho notato che il buon Ivo è un po' carente sul Jof Fuart (non ti piace? ...)

ciao, e grazie, Gianluca
Messaggio
09-06-2004 00.00
ivo.sentierinatura ivo.sentierinatura
Qui trovi qualche informazione:

http://www.rifugiocorsi.it/web/ferratedx-i.html

Lo Jof Fuart ed il sentiero Anita Goitan dovrebbero essere inseriti questa prossima estate.

Ivo Pecile - SentieriNatura

Messaggio
09-06-2004 00.00
Giuseppe Giuseppe
Il sito indicato da Ivo dà le informazioni necessarie. Avendolo percorso, il Goitan, mi permetto di aggiungere che: secondo me è necessaria l'attrezzatura completa da ferrata (imbrago, caschetto, cordino, moschettoni e dissipatore); pur essendo un itinerario impegnativo la cengia è spesso molto comoda da percorrere e i tratti delicati sono quelli presso le forcelle tra le cime (Cima alta di Riofreddo, Innominata, Torre e Alta Madre dei camosci); al momento di passare l'Innominata ci sono due possibilità: continuare sul versante sud, facile, oppure -ma solo per l'Innominata- passare al versante nord risalendo un canalino laterale. Questa seconda possibilità merita per l'impressionante panorama sulla Val Saisera, il Pellarini e le pareti nord strapiombanti del gruppo del Jof Fuart che precipitano per almeno 600m di salto. Questo tratto alternativo non è difficile ma va affrontato con estrema cautela perchè un eventuale scivolata ti fa arrivare direttamente al Pellarini con la forza di gravità... Assolutamente da evitare questa variante se c'è neve o, peggio, ghiaccio residuo!
Anche la semplice via normale al Jof, senza conctenare il Goitan, presenta un tratto a metà attrezzato con cavi e una piccola galleria naturale. Anche lì consiglerei l'attrezzatura anche se tanti la percorrono senza.

Spragna-For.lla Lavinal dell'Orso: dal Mazzeni fino sotto le rocce terminali il sentiero è ripido ma non presenta difficoltà, anzi, si accede ad uno degli angoli più caratteristici delle Giulie. Quando ci si incunea nel canale prospiciente la forcella bisogna arrancare parecchio perchè ogni cambio di stagione fa franare il sentiero. Nelle prime cartine tabacco il sentiero era considerato "escursionistico", a trattini ma non difficile. Adesso è rigorosamente a pallini. Si procede così molto faticosamente tra detriti e roccette sempre più ripidamente ma raggiunta la forcella le difficoltà terminano completamente. Le volte che ci sono passato io ho sempre visto qualche stambecco.
Buona scarpinata!
Messaggio
10-06-2004 00.00
valentina luis valentina luis
ciao mi riferisco al tuo msg per quanto riguarda la salita Lavinal dell'Orso..io l'ho fatta una volta in settembre partendo dalla Val Saisera Biv Mazzeni e su per un erto anzi ertissimo ghiaione...non è assolutamente difficile ma ti assicuro un fadigone pazzesco...l'ultimo peezzo vai quasi su a 4 zampe in quanto è molto erto. C'è neve fino a luglio..ma credimi entrare su per le due pareti che ti sovrastano è una grande figata....
ciao da Valentina
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva