il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 126 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 3
Messaggio

Dismissione sentieri-quali conseguenze?

17-12-2008 00.00
Giorgia Giorgia
Buongiorno a tutti!
Di recente ho acquistato un libro pubblicato in prima edizione nel 1995 e ripubblicato quest’anno di cui vi riporto i riferimenti perché, a mio parere, molto interessante: Scortegagna-Zanetti, Escursioni nel parco naturale dolomiti friulane, Cierre Edizioni.
Nella nuova edizione sono stati fatti gli opportuni aggiornamenti sulla sentieristica e, come già mi è successo, in molte altre occasioni, in altre zone e con altri libri ho riscontrato che una serie di sentieri sono stati dismessi. mi è chiaro che le motivazioni sono molteplici: tutela fauna e flora locale, in particolare, se parliamo di quelli all’interno di parchi naturali, oppure perché i sentieri sono divenuti pericolosi o inagili.
Questo, però, mi ha portato ad alcune riflessioni: se da un lato eliminando i sentieri, solo le persone più esperte si avventurano in certi posti, portando quindi ad una maggiore tutela dell’ecosistema presente, dall’altro questo pregiudica la fruizione di tale ambiente dalle persone che, pur essendo escursionisti rispettosi della natura, non si sentono in grado di mettersi alla prova con sentieri non segnalati.
Ciò, quindi, in ultima istanza non porta ad una riduzione della conoscenza delle montagne e di alcune zone in particolare, e ad un possibile sovra-sfruttamento di quei luoghi dove, invece, rimangono pochi sentieri agibili?
Concludo dicendo che la mia non vuole assolutamente essere una critica ma semplicemente una riflessione che volevo condividere con Voi.
Grazie, Giorgia
Messaggio
18-12-2008 00.00
ermanno ermanno
il più delle volte i sentieri vengono dismessi perchè la manutenzione è un problema, in quanto manca la risorsa umana per farlo.
di certo non si perdono poichè c'è sempre chi, alpinista, cacciatore o curioso li percorre. il sovraffollamento non è un problema, in quanto la massa va sempre dove il posto è pubblicizzato, o conosciuto. in val di fanes incontri masse di gente fino alla 2 cascata, poi pochi escursionisti fino a lavarella (per esempio). trovi frotte che salgono al marinelli dal tolazzi, ma da Monte croce pochissimi
Messaggio
18-12-2008 00.00
bambinodoro bambinodoro
Ciao Giorgia! Riguardo al libro in questione, immagino tu ti riferisca in particolare al sentiero per Forcella Vacalizza (dismesso sia dalla parte della Val Cimoliana, dove è ancora ben rilevabile, tranne nella franosa ultima parte, sia dalla Val Settimana, dove mi dicono sia un problema ritrovarlo) e a quello della Val Pezzeda. In questo caso mi risulta che entrambi i sentieri siano stati dismessi poichè il Parco fà delle scelte, visto che mantenere la rete sentieristica è parecchio oneroso sia a livello economico sia di personale. Probabilmente si è ritenuto che questi due segnavia non avessero più un'importanza strategica e comunque frequentati non lo sono mai stati. La Val Pezzeda poichè non facile e comunque non risultava l'accesso diretto ad alcun luogo (alla Bregolina si arriva più direttamente con altri sentieri...) ne ha interesse alpinistico. La Vacalizza (comunque non facile negli ultimi 100 m...) ha interesse prettamente alpinistico per chi sale Cima o Torre Vacalizza. Comunque come diceva Ermanno chi avrà voglia e motivazione troverà certo il modo di ripercorrere questi tratti...;-)
Quindi a mio parere giusto lasciar "cadere" alcune tracce e investire su altri tratti più utili-frequentati con interventi mirati (vedi il rinnovamento/pulizia del sentiero per il Marchi-Granzotto dalla Val Monfalcon di Forni e il rinnovato sentiero per il Cason di Brica nell'omonima valle).
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva