il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 114 ospiti - 2 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 1
Messaggio

Da Palcoda a Campone per F.lla Agardaia, F,lla Cesilar, Malga di Rossa, Stalle Cors e mulattiera per Beloz

27-07-2016 10.01
masurie masurie
L'altro weekend abbiamo fatto una 2 giorni in Val Tramontina, il primo giorno abbiamo risalito la forra del Chiarzò, visto la cascata del Pisulat, cima Monte Celant e dormito nel magnifico borgo di Tamar.
Il giorno dopo l'abbiamo fatta grossa. Abbiamo deciso di tornare a Campone facendo un "giretto" passando per Palcoda e svalicando Forcella Agardaia. Ecco, da quel momento la civiltà sparisce. Il sentiero 831 che dalla forcella porta prima alla forchia Cesilar e poi a Malga di Rossa è adeguatamente segnato ma la traccia spesso si perde nell'erba alta. La solitudine è totale. Il percorso è comunque gradevole, quasi sempre in quota. Dalla malga incomincia il divertimento. Sulla Tabacco sentiero tra malghe tratteggiato nero, quindi mi auguro almeno una traccia, qualche notizia da internet di qualcuno che ha fatto il percorso e partiamo verso l'ignoto. Quella che doveva essere una vecchia mulattiera è attualmente un'esile traccia, a dire il vero quasi sempre evidente. Le uniche grosse difficoltà le abbiamo avute nell'attraversamento di un canalone in cui occorre perdere quota e si incontrano dei bolli (che definirei molto recenti), che però sulla mia mappa non dovrebbero esserci, e risalendo non è così facile ritrovare il percorso. Poi, dai ruderi di malga vallone la traccia non c'è, la si ritrova più sotto quando si gira una dorsale per immettersi nell'ennesimo canalone. Serve un po'di fiuto ed un po'di dimestichezza nel leggere la cartina. Si corre in quota in mezzo alla faggeta.
Le stalle di Cor sono in relatà una mezza delusione. Molto interessante la discesa a valle per la mulattiera di Beloz, che offre panorami e scorci correndo molto alta sui dirupi del monte (attenzione all'erba alta che nasconde pietre e radici, inciampare potrebbe essere decisamente pericoloso...).
Nel complesso le 9 ore di giro non valevano probabilmente lo sforzo perchè non ripagati da grossissimi panorami ma la solitudine è totale e fa riassaporare almeno un po'di spirito di avventura, lontani da sentieri battuti e segnati. Il capitolo zecche lo lascio alla vostra immaginazione, che comunque approssimerà in difetto la realtà....
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva