il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 5 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 23
Messaggio

Vecchia strada della Val Cellina

01-05-2016 17.18
francesca francesca
La vecchia strada della Val Cellina fa parte dei vecchi ricordi della mia infanzia che ultimamente affiorano spesso con la passione per la montagna.
Quando ero bambina negli anni '70 si partiva tutta la famiglia per la Val Settimana, località Pussa, dove si soggiornava dentro delle baracche. Il viaggio era un'autentica avventura attraverso la vecchia strada della Valcellina e quella ancora più selvaggia della Val Settimana. La prima mi affascinava e m'incuteva paura, mi facevo piccola e spiavo attraverso il finestrino dell'auto le pareti rocciose aggettanti, gli strapiombi.... quando si incrociava un altro mezzo si tratteneva il respiro, lo spazio era poco per passare in due. Il "woom woom" provocato dal passaggio delle macchine vicino al parapetto era la musica che accompagnava e leniva l'eccitazione o meglio l'apprensione di essere come sospesi precariamente sopra un baratro.
Certo ora è più facile e sicuro raggiungere la montagna, ma così è andato perso il gusto dell'autentica avventura.
Mi piacerebbe rivedere questa strada a piedi e mi chiedevo se qualcuno ha notizie in merito o se si può percorrerla integralmente e con quali accortezze.
Messaggio
01-05-2016 17.45
giuliano.verbi giuliano.verbi
Salve Francesca,
Le trascrivo le informazioni in mio possesso, circa la visita della vecchia strada della Val Cellina, nell'auspicio possano risultarle utili.
Distinti saluti,
Giuliano.-

La Vecchia strada della Valcellina

Un percorso ricco di fascino in una delle più belle e spettacolari Riserve Naturali del Friuli Venezia Giulia. Le acque cristalline e i profondi canyon scavati nelle rocce rendono indimenticabile e incantevole questo tratto di strada che un tempo era l’unico collegamento della valle con la pianura. Oggi è meta di visitatori da ogni parte del mondo, curiosi di vedere con i propri occhi quei colori che si riflettono in un ambiente unico tra acqua, cielo e rocce. leggi di più…
Apertura

DOMENICA 24 APRILE 2016
LUNEDI’ 25 APRILE 2016
MAGGIO E GIUGNO 2016 OGNI DOMENICA
DOMENICA 1° MAGGIO 2016
GIOVEDI’ 2 GIUGNO 2016
LUGLIO 2016 SABATO E DOMENICA
DA SABATO 23 LUGLIO 2016 A DOMENICA 4 SETTEMBRE 2016 TUTTI I GIORNI
SETTEMBRE 2016 OGNI DOMENICA

Info

Biglietterie: Località Ponte Antoi Barcis (PN) e Località Molassa Andreis (PN)
Orari: 10.00-18.00 (ultimo ingresso ore 17.00)
Tariffa: 3€/persona
Tel: +39 0427 87333



Da ingresso PONTE ANTOI – BIVIO MOLASSA – INGRESSO MOLASSA
Attenzione

L’APERTURA DEL PERCORSO POTREBBE SUBIRE VARIAZIONI E/O CHIUSURE TEMPORANEE IN CONDIZIONI METEO PARTICOLARMENTE AVVERSE O PER MANUTENZIONI.
Messaggio
03-05-2016 19.34
mitchbassist mitchbassist
La Vecchia Strada della Valcellina dovrebbe essere percorribile come sopra descritto da Ponte Antoi al Ponte Molassa; il tratto che dal bivio va alla vecchia diga dovrebbe essere interdetto a causa di una frana. L' altro tratto di strada che va dal cancello presso la vecchia diga verso Siviledo e Nale è percorribile e raggiungibile mediante il sentiero 996 da Montereale Valcellina in ore 3.30 (consigliato l' uso del casco)
Allegato: P1180969.JPG
Messaggio
05-05-2016 10.46
luigino luigino
Su "dolomitidxtagliamento.altervista.org/blog/vecchia-strada-della-val-cellina" potrai trovare un'ottima e recente relazione fornita di foto e tutte le informazioni necessarie al percorso. Un collegamento ti manderà poi sul sito "Landre dai Salvadis", dove troverai ulteriori notizie.
Messaggio
05-05-2016 18.10
francesca francesca
Grazie mille a Giuliano, Michbassist e Luigino per le esaustive risposte e soprattutto per gli approfondimenti non richiesti ma molto graditi! Non avevo idea dell'esistenza di sentieri nella forra del cellina perchè la Tabacco non è aggiornata a proposito, quindi al più presto dovrò procurarmi la Carta dei Sentieri di Montereale Valcellina reperibile in loco. Ho letto le relazioni corredate da foto su "dolomitidxtagliamento.altervista.org" e "Landre dai Salvadis" che ho trovato molto interessanti e quindi ora non vedo l'ora di tornare in questi luoghi della mia infanzia per riscoprire nuove emozioni :-)Grazie ancora e W questo fantastico forum!

Messaggio
14-05-2016 19.20
francesca francesca
Vorrei condividere con gli amici di Sentierinatura l'escursione nella forra del Cellina dell'8 maggio scorso. Personalmente questa esperienza è stata molto emozionante, un autentico tuffo nel passato dal sapore piacevolmente nostalgico e malinconico.
Abbiamo percorso i sentieri MV01 partendo da Montereale Valcellina 311 mt. e il Cai 996 sulla destra orografica del torrente Cellina, riportati nella già sopracitata Carta del Sentieri di Mont. Valc., reperibile in loco da un cartellone esplicativo. Transitando per il Pozzo Cossettini, 500 mt, il bosco Nale e il Coston di Siviledo, alti sopra la forra, ho scattato delle belle foto che vorrei mostrarvi, sperando ciò possa suscitare interesse e curiosità. Scesi sulla vecchia strada della Valcellina, quota 344 mt, poco prima della galleria Siviledo, ne abbiamo percorso un tratto direzione N-NO giungendo fin quasi alla vecchia diga, dove un'alta cancellata ne sbarra l'accesso e oltre la quale una frana, come reperito da un avviso, rende insicura la prosecuzione. Siamo rientrati per la medesima strada (verso SE,compiendo così un anello) costruita agli inizi del secolo scorso in un ambiente caratterizzato da un profondo solco torrentizio, dove precipitano stratificate pareti rocciose a formare un canyon particolarmente attraente, abbellito dalle limpide e verdeazzurre acque del Cellina. Non si può rimanere indifferenti a tanta selvaggia bellezza, e nello stesso tempo colpiti dall'opera umana che ha azzardato una strada fenomenale in un'epoca in cui i ritmi erano più lenti e si poteva trarre dal viaggio più godimento rispetto alla meta stessa.
Allegato: la forra del Cellina dal sentiero Cai 996.jpg
Messaggio
14-05-2016 19.23
francesca francesca
Un tratto del sentiero Cai 996 nel Coston di Siviledo.
Allegato: sentiero Cai 996.jpg
Messaggio
14-05-2016 19.26
francesca francesca
In discesa dal sentiero Cai 996: la vecchia strada della Valcellina e il torrente Cellina, si scorge anche la galleria Siviledo.
Allegato: in discesa dal sent. Cai 996.jpg
Messaggio
14-05-2016 19.30
francesca francesca
Rocce stratificate a picco sul Cellina ...
Allegato: il torrente Cellina.jpg
Messaggio
14-05-2016 19.33
francesca francesca
In vista della vecchia diga, situata oltre lo sbarramento dell'alta cancellata che ne vieta la prosecuzione.
Allegato: vecchia diga.jpg
Messaggio
14-05-2016 19.39
francesca francesca
La galleria Rio Stella, dal caratteristico stile architettonico fascista, costruita nel MCMXXXI(II), XI. dell' E.F.
Allegato: galleria Rio Stella.JPG
Messaggio
14-05-2016 19.41
ilario.morettin ilario.morettin
Ad avvalorare l'affermazione di Francesca che definisce questa strada come "fenomenale", posto un'immagine che fa vedere un dettaglio interessantissimo: il percorso stradale in questa parte corre esattamente sopra un canale che serviva a portare l'acqua dalla vecchia diga alla pianura. Nella foto si vede chiaramente questo "spessore" tra il manto stradale e le arcate di sostegno. Fenomenale è l'aggettivo giusto!!
Ciao
Allegato: _DSC0358_web2.jpg
Messaggio
14-05-2016 19.42
francesca francesca
Tratto dismesso della vecchia strada della Valcellina, allo sbocco del "nuovo" viadotto. Al suo posto ora c'è una lunga galleria illuminata!
Allegato: tratto di strada dismesso.jpg
Messaggio
23-07-2016 22.59
francesca francesca
Grazie Ilario per il tuo intervento (... e scusa la risposta tardiva) che ho apprezzato moltissimo e che mi ha spinto ad approfondire l'argomento. Durante la visita alla vecchia strada della Valcellina avevo notato questo canale, che per un breve tratto è esterno ad essa e quindi visibile. È stata una scoperta la centrale di Malnisio, alla quale appunto veniva convogliata l'acqua del Cellina: un'opera anche questa mastodontica per quell'epoca e ancora integra! La gita che ho fatto quindi ha acquisito, oltre che un valore affettivo, uno conoscitivo, visto che ero completamente ignara di questo retroscena. Curiosità: sulla vecchia strada c'era anche un bar (in rete si trova una foto) che negli anni 70 era aperto, ma purtroppo non l'ho visto. Mi chiedo se ci sia ancora.
Messaggio
26-07-2016 13.17
Pietro_Casarsa Pietro_Casarsa
Il bar vicino alla diga dentro la forra, è chiuso.
Quello all'imbocco della Molassa era chiuso, ma sembrava che lo stessero riaprendo, almeno nel 2013...
Messaggio
27-07-2016 15.20
carisha carisha
Secondo quanto riportato sul Forum del sito Progetto Dighe.it alla voce "Valcellina, roggia di Vivaro ed impianti", la vecchia Osteria Valcellina ormai demolita si trovava nei pressi del nodo di Monciaduda, dove è stato realizzato lo sbocco della nuova galleria ciclopedonale, immortalato nella tua foto allegata “tratto di strada dismesso".
Sullo stesso sito allo stesso argomento si trovano anche vari disegni sulla posizione dell'osteria, il più esplicativo dei quali alla pagina 1 dell'argomento.
Sulla tavoleta 064042 della carta regionale al 5.000 si trova la posizione esatta dell'ex Osteria Monciaduda.
Messaggio
03-08-2016 21.55
ilario.morettin ilario.morettin
Confermo: la prima che si incontrava salendo dalla pianura la Osteria Valcellina è stata abbattuta, mentre la Antica Osteria Molassa dopo anni di chiusura è ora riaperta.
Messaggio
04-08-2016 19.48
francesca francesca
Grazie a tutti e tre per gli interventi:). Un po' devo ammettere sono dispiaciuta che l'osteria Valcellina è stata demolita... tuttavia sono anche contenta perché mi si è aperto un mondo sulla vecchia strada della Valcellina, museo a cielo aperto oserei dire, con le sue datate opere idrauliche, di cui si trovano tante foto particolareggiate sul sito ProgettoDighe.it menzionato da Carisha. Ho trovato risposte a varie domande su cose viste durante la gita, che da piccola percorrendo la strada in auto non potevo notare e non avrei nemmeno potuto capire.
Messaggio
05-08-2016 18.03
francesca francesca
Riguardo alla posizione della Osteria Valcellina sulla vecchia strada omonima, non ci sono dubbi, si trovava, proprio come ha osservato Carisha, poco prima della galleria ciclopedonale sulla sinistra (scendendo verso la pianura), se ne intuisce la localizzazione dallo spiazzo con vegetazione, situato appunto a sx della strada, visibile in primo piano nella foto "tratto dismesso della vecchia strada". Ho visto i vari disegni dal sito ProgettoDighe.it, ma la certezza dell'esatta posizione dell'ex osteria Monciaduda si rileva dalla Carta Tecnica Regionale N.064042 MONTEREALE VALCELLINA, scala 1:5.000, a quota 338.4 mt. Riguardo invece alla Vecchia Osteria Molassa citata da Pietro_Casarsa (di cui però non ho ricordi, visto che negli 70 non ci transitavo e non mi capita nemmeno ora) mi sono incuriosita e ho indagato. Nella carta regionale è quotata 385.6 mt. e si trova sotto il viadotto, leggermente più a sud di esso. In pratica nella vecchia strada della Valcellina, poco più avanti della grande diga della centrale (preceduta da un'alta cancellata, vedi foto "vecchia diga") si dirama sulla destra un altro pezzo di vecchia strada sopra il corso del torrente Molassa (affluente del Cellina), codesta una volta era l'unica via per raggiungere Andreis. In questo troncone di strada per l'appunto, si trovava e si trova ancora oggi, la Vecchia Osteria Molassa. Dopo tutta questa ricerca, soprattutto nella mia memoria, sicuramente la prossima volta che mi recherò in Valcellina, non mancherò una visita all'osteria in questione, magari per ristorarmi dopo una bella scarpinata!
Nella foto: diga della centrale (Carta Tecnica Regionale N.064044 MOLASSA)
Allegato: Foto4537.jpg
Messaggio
08-08-2016 21.11
ilario.morettin ilario.morettin
Posto un'immagine della zona in oggetto che è poi la riproduzione (parziale) del cartello adiacente all'Osservatorio Astronomico di Montereale V.
Mi pare evidente anche lo spiazzo dove sorgeva l'Osteria Valcellina.
Un saluto.
Allegato: _DSC2879_web.jpg
Messaggio
09-08-2016 09.32
carisha carisha
Ilario non prendertela se lo faccio notare, ma forse hai postato un'immagine troppo estesa della zona in oggetto, perchè per trovare lo spiazzo dove sorgeva l'Osteria Valcellina, ci vuole una lente d'ingrandimento, ammesso che uno sappia dove cercarla.
Probabilmente dovevi ingrandire solo il particolare, perchè effettivamente sul cartello in questione, che si trova pure a Montereale Valcellina presso il Municipio, l'osteria è realmente segnalata con un rettangolino.
Messaggio
29-08-2016 21.17
ilario.morettin ilario.morettin
Hai ragione: purtroppo la riduzione dell'immagine per l'invio al sito penalizza la lettura.
Messaggio
31-08-2016 11.12
claudio.65 claudio.65
Ecco il particolare in questione, con l'esatto posizionamento dell'ex Osteria Valcellina o Monciaduda.
Allegato: Valcellina.JPG
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva