il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 192 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 23
Messaggio

Cima dei Preti

17-04-2008 00:00
Mauro Mauro
Ciao a tutti! Volevo giusto un'informazione... E' più difficoltosa la salita per la Cima dei Preti rispetto allo Jof Fuart? Presenta dei tratti molto impegnativi?
Grazie
Messaggio
17-04-2008 00:00
bambinodoro bambinodoro
Se parliamo delle rispettive vie normali, fatte in giornata, non c'è dubbio che i Preti sono senz'altro più impegnativi sia tecnicamente che fisicamente rispetto al Fuart. Il Fuart sono 1600 m (di buon sentiero in gran parte); i Preti sono 2000 m, di sentiero che merita la sua fama per salire al Greselin e successivamente c'è quel "famoso" canale-camino per superare la fascia di rocce che porta al Cadin de meso che richiede una pur facile arrampicata su tratti di II° senza infissi (ci sono solo alcuni chiodi ogni 30 m circa). Soprattutto in discesa, se non sei avvezzo a quel tipo di terreno necessita di due doppie da 25 m circa...! Se vai non rimpiangerai di aver scelto i Preti rispetto al Fuart...(ma io sono di parte ;-)!).
Messaggio
17-04-2008 00:00
Mauro Mauro
Quindi è neccessario essere attrezzati per la cima dei Preti? Non basta il set da ferrata? Da come me la descrivi sembra essere una vera è propria arrampicata...
Cmq intendevo proprio camminate da fare in giornata!!! E siccome avevo sentito parlare spesso di questa cima (Cima dei Preti), pensavo magari un giorno di poterla fare... Però se è davvero così impegnativa la vedo assai dura
Messaggio
17-04-2008 00:00
bambinodoro bambinodoro
No. La roba da ferrata non serve a niente! Sui Preti non c'è neanche 1 m di cordame di ferro per fortuna! Per chi è abituato alle ferrate è decisamente impegnativa. Il canale-camino sono circa 100 m, I e II, esposto all'inizio. Da farsi in salita e in discesa (tratti in corda doppia). Puoi anche salire e scendere per Forcella Compol (vedi il post INFO ANELLO DOLOMITI FRIULANE del 14/4/2008) ma anche quello è un itinerario lungo, faticoso e complesso in ambiente grandioso e non frequentato. La puoi certamente fare in giornata, se ben allenato!
Messaggio
18-04-2008 00:00
Mauro Mauro
Caspita... Peccato solo che non ho esperienza in questo campo... Cioè, se dovessi fare un'escursione simile, mi ritroverei a salire e scendere da quel canalone senza attrezzatura per due motivi: 1. Non ho l'attrezzatura 2. Non saprei come utilizzarla!!! E questo mi preoccupa un po':)
Quindi magari un giorno spero di trovare qualcuno con cui andare e che abbia l'esperienza giusta!
Dato che ci siamo, toglimi una curiosità... Il percorso per raggiungere il Coglians dalla parte Austriaca è attrezzato per ferrata??? Perchè una volta c'ero arrivato fino all'inizio "dell'arrampicata" e poi c'ho rinunciato perchè non avevo nulla con me e non conoscevo il posto perchè non c'ero mai stato prima e a vederlo da sotto, mi sembrava un po' rischioso andare senza aver nulla con me...
Messaggio
18-04-2008 00:00
luca luca
si il percorso da nord è attrezzato. fai attenzione perchè il tratto nuovo sta a dx salendo, ed ha le funi e boli blu (mi pare di ricordare) il tratto vecchio a cui porta la traccia sul ghiaione, se seguita fino in fondo porta al vecchio tracciato che esce a sx del ghiaione pensile: i primi 150 m sono disattrezzati
Messaggio
18-04-2008 00:00
Mauro Mauro
Già... Infatti ora che mi fai pensare, quando c'ero stato, ero arrivato infondo al ghiaione sulla sinistra e i bollini, se non erro, erano rossi... Quindi quella via dovrebbe essere la vecchia! Però non ricordo di aver visto tracce che portavano a destra del ghiaione... Ad ogni modo quella a destra è nuova e attrezzata? Ho capito giusto?
Grazie
Messaggio
18-04-2008 00:00
bambinodoro bambinodoro
Per la salita ai Preti magari ci si può risentire; fondamentale secondo me è l'allenamento più che la tecnica. Arrivare "cotti" al Greselin è preludio per tornare indietro senza vedere la cima! Tieni conto che le guide danno 6 ore di salita senza le soste...più da li devi anche scendere e il sentiero del Greselin non permette di scendere di corsa, men che meno di cadere :-x
Riguardo al Coglians ti hanno già detto. Io una quindicina di anni fa ho fatto la "vecchia" nord, ricordo che era attrezzata con "parsimonia". La nuova l'ha fatta mio papà qualche anno fa. Ma da tutti i commenti sentiti in giro mi risulta un tracciato privo di qualunque senso, forzato dritto su placche inscalabili (da chi fa ferrate, ovviamente chi fa il 6° certamente non va a legarsi su per cavi di ferro...). Se fosse ancora agibile (e non lo so perchè frequento poco quella zona) ti consiglierei la vecchia nord, molto più appetibile escursionisticamente ;-)
Messaggio
18-04-2008 00:00
Mauro Mauro
Ti ringrazio per l'informazione! Allora se un giorno deciderò di andar sul Coglians vedrò di provare a fare la vecchia ferrata!
Per quanto riguarda il mio allenamento non saprei dirti... Non sono ne allenato ne un pappa molla:) Posso dirti di alcune escursioni che ho fatto... Esempio il Coglians, dal Tolazzi, prosseguendo per il Marinelli, sono arrivato in cima in poco meno di 4 ore... Un giorno sono andato a farmi una camminata sul Plauris partendo da Venzone, dove il cartello dava 4.15 ore per la cima, mentre sono stato 2.45 ore... Riguardo alla tecnica invece zero:) Riguardo alle vertigini, so di impressionarmi per il vuoto, ma non mi faccio mai prendere dal panico... Ad esempio, quando sono stato sul Jof del Montasio, sono salito per la scala Pipan tranquillo e senza set da ferrata... Altri percorsi impegnativi non ho avuto ancora modo di farne. Mi sono sempre limitato a frequentare itinerari tecnicamente semplici, anche se mi piacerebbe molto intrapprendere qualche percorso più impegnativo, solo che purtroppo non ho l'attrezzatura e la conoscenza per farlo! Ad ogni modo questa è la mia e-mail: mauroilvespa@libero.it. Se hai qualche dritta da darmi al riguardo, mandami pure un e-mail e grazie mille per i consigli che mi hai dato.
Messaggio
18-04-2008 00:00
Carlo Carlo
Mi permetto di dissentire dal giudizio di Daniele. Pur arrampicando, ho trovato divertente seppur atletica la nuova via nord al Coglians. E' una ferrata come intendono gli austriaci, atletica che richeide una certa tecnica per evitare di bruciarsi le braccia (ovviamente la prima parte). Infatti basta vedere la nuovissima "Ferrata dell'Amicizia" sulla cima di Torre Clampil dal p.sso Pramollo. E' importante, quindi, essere preparati e consapevoli dei rischi (molti) anche in ferrata, e non trovo giusto snobbarle solo perchè "arrampicare" si ritiene una cosa superiore. E' semplice un modo diverso di godere la montagna. Per stupendi dettagli e immagini sul Coglians vai a vedere il sito http://www.cimefvg.it/03-ElencoEscursioni/Elenc-Escursioni-1.htm , anno 2006 - "periplo coglians".
Messaggio
18-04-2008 00:00
Mauro Mauro
Ok grazie per l'informazione. Sei stato molto chiaro:)
Messaggio
19-04-2008 00:00
bambinodoro bambinodoro
Non snobbo "le" ferrate ne tantomeno chi va a farle! Poichè, sebbene da un po' di tempo non ne faccia più perchè ho scoperto che fare altro per me è più divertente, anch'io come molti ho cominciato facendo ferrate. Tantomeno sono favorevole allo smantellamento delle vecchie ferrate, quelle storiche. Sono invece assolutamente contrario ai nuovi tracciati, privi di senso. Che senso ha tirar su per placche una ferrata diretta al Coglians, quando a pochi metri di distanza c'era la vecchia che bastava riammodernare un po'? Che senso ha tirar su cavi su un torrione (Clampil, Comici...) privo di qualunque interesse escursionistico e/o storico? Solo per far fare un po' di ginnastica alle braccia? Per questo ci sono le palestre di roccia, ancora più sicure e divertenti di qualsiasi torrione ingabbiato di ferramenta.
Messaggio
19-04-2008 00:00
Carlo Carlo
Premesso che non è mia intenzione giudicare i gusti altrui, ma quando chiedi "che senso ha tirar su cavi su un.....privo di interesse escursionistico" , dico che ha lo stesso senso di creare impianti da sci (che deturpano la montagna per chi fa sci alpinistico) cioè un modo sicuramente discutibile, ma non so se giusto o sbagliato, affinchè più gente vada in montagna. Anche Messner è sempre stato contrario alle ferrate e qualcun'altro (purista dell'arrampicata) addirittura ai chiodi, però è anche vero che grazie alle ferrate tantissima gente ha potuto ammirare e raggiungere vette che mai avrebbe altrimenti visto. Si tratta di guadare la bottiglia mezza piena o vuota (ed essere meno egoisti). Poi su dove tirare i cavi lascio agli esperti la scelta. Gli austriaci l'hanno fatta da tempo.
Messaggio
19-04-2008 00:00
bambinodoro bambinodoro
Se tutto è lecito pur di portare gente in montagna, la prossima sarà una ferrata sul Campanile di Val Montanaia?
Come detto non ho nulla (anzi) contro le ferrate storiche (Lipella, Costantini, Tommaselli, Italiana al Mangart...) che permettono a più persone di provare sensazioni che magari sul sentiero non proverebbero. Ma tirar su cavi sul primo torrione che capita solo a scopo divertimento non lo vedo un progresso...Gli austriaci? Che pensino a mettere a posto le ferrate vecchie che ci sono piuttosto che non a farne di nuove...
Di Messner non dico nulla, fortissimo alpinista, indiscutibilmente. Poi però si appende ai cavi delle funivie per impedirne la costruzione ma fa salire la gente in jeep (a pagamento ovviamente) al museo del Monte Rite...
Messaggio
19-04-2008 00:00
Carlo Carlo
Ripeto che non sto dicendo che è sbagliato quello affermi, ma solamente che è ormai risaputo che se si vuole qualcosa di nuovo, anche in montagna, il business c'entra. Io cercavo solo di rispondere alla tua domanda "che senso ha..." facendo un discorso più ampio. Comunque preferisco fare il Coglians piuttosto che fare la coda e beccarmi sassi sulla Tomaselli visto l'alta concentrazione di persone. Quindi sconsigliare qualcuno di fare il Coglians perchè a te non piace che tirino su nuovi cavi, lo trovo sbagliato. Infine toglimi una curiosità, ma quando arrampichi pianti chiodi o sei tra i puristi che non è arrampicarsi se si usano mezzi artificiali ?
Messaggio
19-04-2008 00:00
bambinodoro bambinodoro
Io sono il trisnipote di Preuss, neanche la corda bisogna usare! SCHERZO OVVIAMENTE! Ad arrampicare sono una pippa ;-) non posso permettermi di andare senza chiodi e compagnia briscola! Però ammetto che ammiro molto i grandi che possono permettersi di non usarli o di andare slegati su alte difficoltà ;-)
Tornando in tema topic, io non gli ho sconsigliato di farsi la Nord nuova, semplicemente ho consigliato la vecchia perchè credo fermamente che a livello escursionistico sia molto più godibile che non un dritto su placche che un escursionista mai riuscirà a scalare.
Messaggio
19-04-2008 00:00
Mauro Mauro
Scusate se mi intrometto, ma siccome la discussione è mia, volevo solo dirvi che alla fine io ho apprezzato il consiglio di entrambi! Siete stati molto chiari e da quello che mi avete detto credo che quando mi sentirò di fare la ferrata per il Coglians, farò quella nuova e "con meno senso" come dice Daniele (ma da come ho capito, Daniele dice che è senza senso per una ferrata, intendendo che è una cosa inutile attrezzare una via a mo' di ferrata su una parete impraticabile e cioè senza appigli, obbligando l'escursionista ad appendersi al cavo e quindi a nn divertirsi come dovrebbe) per il semplice fatto che è attrezzata dall'inizio alla fine (se ho capito bene) e quindi totalmente sicura, mentre la via vecchia, anche se molto più interessante, la eviterò solo perchè non è stata sistemata e i primi 150mt non sono attrezzati! Ad ogni modo la montagna, indipendentemente da come la si frequenti, è sempre un paesaggio meraviglioso tutto da ammirare e goderselo al massimo! Camminata, arrampicata o ferrata che sia, cio che conta è solo gustarsi fino in fondo l'escursione. Poi ognuno decide da se come praticarla! Per quanto mi riguarda ora comincerò con le ferrate, ma in un futuro sarei davvero contento di cominciare ad arrampicare senza l'ausilio dell'attrezzatura fissa! In questo modo avrò anche la possibilità di andare su cime che prima nemmeno mi sognavo di fare! Spero solo che un giorno riuscirò a fare tutto questo. Me lo auguro.
Messaggio
19-04-2008 00:00
Carlo Carlo
Non dirlo a me. Anch'io ammiro quei fenomeni. Sono stato anche a vedere i campionati del mondo di arrampicata indoor a Monca nel 2005 e in confronto l'uomo ragno è una pippa. Poi da poco tempo ho avuto modo di conoscere al telefono il grande Mazzilis, un altro grande.......quindi siamo d'accordo. Il buon Mauro si deve fare prima la via vecchia e poi quella nuova, possibilmente nella stessa giornata e prima che faccia buio.....ih ih ih ih
Messaggio
19-04-2008 00:00
Carlo Carlo
Tranquillo, avevamo già fatto "pace" :-) (se mai ce ne fosse stato bisogno) prima della tua intromissione....ih ih ih ih ih. Probabilmente avevo frainteso la prima indicazione di daniele, e sono d'accordo con la tua ultima riflessione. Se infine permetti un'altro consiglio, (ovviamente dati in base alle proprie esperienza quindi soggettivi), fai un corso di roccia prima di avventurarti con corde doppie, mezzi barcaioli, ecc.... mi raccomando.
Messaggio
19-04-2008 00:00
bambinodoro bambinodoro
:-)))
Comunque, Mauro, l'invito per i Preti è sempre valido, quando ti sentirai psicologicamente ;-) pronto per i 2000 in una botta unica ;-))) Da quelle parti vado sempre volentieri... Ciao!
Messaggio
19-04-2008 00:00
Mauro Mauro
Beh se devo essere sincero un corso di Roccia l'avevo già fatto (AR1)!!! Però ti sto parlando di 6 anni fa, quando avevo 17 anni... Finito il corso purtroppo non trovai nessuno con cui continuare a frequentare la montagna arrampicando e quindi, dopo 6 anni, mi sono dimenticato parecchie cose. Anche se magari le basi le ho ancora a mente! Però nn bastano per potermi arrangiare da solo! Ora credo che per me la cosa migliore è solamente trovare qualcuno con esperienza, che sia disponibile a portarmi con lui a provare queste emozioni!!!
Messaggio
19-04-2008 00:00
Mauro Mauro
Mmm... Per i 2000 in una botta sola?? Forse potrei farcela... Ma tipo 7-8 ore per andare e mettiamo 4-5 per tornare!!! Il che vuol dire partire prestissimo (che per me non è un problema) e arrivare a casa per ora di cena (se nn oltre).
Cmq si potrebbe fare... Ora come ora, aspetterò ancora un paio di settimane e poi comincerò a farmi le mie prime camminate dell'anno (vado in montagna solo d'estate e non tutti i weekend per problemi di poco tempo libero) giusto per vedere in che condizioni sono! Poi ti farò sapere ok? Se magari potresti lasciarmi l'email, così so come contattarti... Ad ogni modo ti ringrazio dell'invito
Messaggio
20-04-2008 00:00
Stief Stief
Mauro, di che zona sei??

Mandi
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva