il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 109 ospiti - 2 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 2
Messaggio

Amarianute

28-12-2014 09.59
luca.deronch luca.deronch
Con il ripristino dei sentieri "Troi di Martin" e "Troi di Cjadin", devastati dall'incendio del 2003, è ora possibile effettuare la salita alla cima dell'Amarianute realizzando un bel percorso ad anello dai rivoli bianchi dell'Amariana. Il lavoro, a suon di piccone e motosega, di alcuni Tolmezzini è stato sicuramente lungo e faticoso, anche per la tipologia del terreno decisamente ripido e sono da fare davvero tanti complimenti a queste persone. L'escursione si può iniziare nei pressi di un ponticello circa 500 mt dopo la ex polveriera di Pizzebus sulla strada per Tolmezzo, dei bollini rossi invitano a risalire una stradina sterrata che attraverso la macchia di bassi pini che caratterizza questa zona dei rivoli bianchi dell'Amariana, in circa 15/20 minuti porta al vecchio poligono dove sulla destra si trova il cartello in legno del Troi di Martin. In circa un'ora di ridipo sentiero nel bosco che ancora porta i segni dell'incendio si raggiunge un bel pulpito panoramico ( panchina e libro di via) con una splendida vista su Tolmezzo, il Tagliamento e i monti circostanti. Il Troi di Martin finirebbe qui, ma è possibile raggiungere la cima dell'Amarianute grazie al collegamento ex novo realizzato. Il sentiero sempre ben segnato si impenna verso la cima per poi uscire su una bella cresta alberata, sull'antecima e infine sulla cima, con l'Amariana di fronte separata da una profonda forcella su un dirupo( piccola panchina e libro di vetta). La salita faticosa è ripagata dal panorama garantito dalla felice posizione della cima. Grazie al grande lavoro di pulizia si può scendere nel bosco di faggi e abeti scheletrici ( i segni dell'incendio son qui ancora più evidenti) attraverso il Troi di Cjadin che in ripida discesa riporta ai rivoli Bianchi realizzando un interessantissimo anello. L'escursione di poco meno di 800 mt per 4,5/5 ore è faticosa ma mai difficile anche se a tratti può essere scivolosa, ma la fatica è decisamente ripagata. Sembra sia in previsione anche un collegamento tra il "Troi di Cjadin" e il sentiero "Dalla Marta" per l'Amariana. Ancora complimenti per il grande lavoro di ripristino. Interessante !
Messaggio
28-12-2014 13.07
michela michela
Grazie della segnalazione, di recente sono salita anch'io al pulpito del Troi di Martin e tornerò senz'altro per completare il giro, meglio però senza neve. Un grande grazie alla cura e dedizione dei volontari del posto; interessante il collegamento col sentiero Dalla Marta, speriamo possa portare al recupero anche di quest'altro fiore all'occhiello!
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva