il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 61 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 5
Messaggio

accesso a strade di montagna

24-07-2014 18.24
ectorus ectorus
Io cammino per monti da 49 anni e sono arrivato a dire che la Legge regionale del 1991 va rivista . Vedo molti rifugi o agriturismi in quota, costruiti con tutti i crismi di veri e propri alberghi. E allora mi chiedo: ma cosa servono se poi non c'e la possibilità di farli raggiungere dalla massa ? Come si può pensare che queste strutture vivano con i pochi che salgono a piedi e consumano. E si, perchè va anche detto che l'escursionista, ha già nel suo zaino il bere e il cibo per la giornata e se tutto va bene, si ferma al rifugio per bere un caffè o una birra, più per fare due chiacchiere che per reale necessità.Certo, si può regolamentare tutto. Per esempio, come avviene già in alcuni rifugi/agriturismo, è autorizzata la salita dell'auto che porta su gente che si ferma a consumare un pasto, dimostrandolo con la ricevuta di pagamento. Io stesso, per esempio, escursionista incallito, ho moglie e amici che non vogliono o non possono affrontare salite con forti pendenze, ma ai quali piacerebbe raggiungere un posto dove pranzare e magari fare due passi in quota. Li potrei portare su in auto lasciandoli alla destinazione, mentre nel frattempo potrei dedicarmi ad una escursione per conto mio. In ogni caso, il problema ha due facce. Bisogna capire quale delle due può servire a dare vita alle nostre montagne.
Personalmente ho visto con i miei occhi in un rifugio/agriturismo in quota in Austria, un pranzo di nozze con sposi e invitati tutti arrivati per strada, non asfaltata ma transitabile
Messaggio
24-07-2014 19.09
lorenzo78 lorenzo78
Il problema è che i rifugi abbisognano di clienti,proprio come gli altri esercizi pubblici,quindi tutto deve essere adeguato all'effettiva fruizione da parte del pubblico.
E' chiaro che non si può pretendere di raggiungerli comodamente in auto altrimenti povere piste forestali!
Il Friuli non è il Trentino e questo si sa,ma se gli escursionisti aumentano sicuramente aumenterà l'interesse nei confronti dei nostri rifugi e delle nostre montagne.
Se il rifugio mantiene ricettività ed attraenza va bene,ma la montagna non è solo rifugi.
Messaggio
24-07-2014 19.29
falische falische
Spero proprio di non vedere mai niente di simile.
Messaggio
25-07-2014 08.03
marcocar marcocar
I posti dove pranzare o camminare in quota arrivando sostanzialmente in macchina non mancano (pensiamo ai Piani del Montasio, a Sella Sompdogna, al Gilberti servito da telecabina, allo Zoncolan, al Crostis, a Malga Pramosio, a Casera Pizzul, al Cason di Lanza, ai rifugi Pordenone, Pussa e via discorrendo...). Forse se li contiamo sono di più dei rifugi raggiungibili solo a piedi.
A parer mio non si sente questa necessità impellente.

Per conto mio - riguardo alle consumazioni nei rifugi - se è funzionale al mio giro mi fermo sempre a mangiare in rifugio. Se è solo un passaggio fuori orario cerco comunque di consumare qualcosa.
Naturalmente dando preferenza a chi secondo me lavora meglio o con più impegno, magari garantendo aperture prolungate fuori stagione.
Messaggio
25-07-2014 16.15
GiulioTS GiulioTS
Ciao a tutti premetto che sono contrario all' uso di
strade forestali in montagna eccetto che per i locali ,
forze dell' ordine , mezzi di soccorso o persone che abbia
no attività lavorative in loco . Detto questo se proprio ci
deve essere una apertura indiscriminata a tutti almeno che l' accesso sia a pagamento .
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva