il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 232 ospiti - 3 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 5
Messaggio

Cimacuta

27-06-2014 18.07
loredana.bergagna loredana.bergagna
Mi era piaciuta e vorrei tornarci, troppo presto adesso?
Grazie a tutti.
Loredana
Messaggio
28-06-2014 14.15
cjargnel cjargnel
E' da un po' che la tengo sotto tiro con la webcam di malga Varmost che offre una buona panoramica del settore. Vedo però ancora una seppur ridotta lingua di neve che scende sulla Sx del lavinale e non vorrei che la sorpresina fosse nel tratto sotto la cima. Per questo penso di attendere ancora qualche gg. Mandi.
Messaggio
28-06-2014 14.36
loredana.bergagna loredana.bergagna
Grazie Cjargnel, anch'io ho qualke dubbio sul traverso di sx, la metto in attesa. Mandi
Messaggio
03-07-2014 18.34
cjargnel cjargnel
Mandi Loredana. Oggi ho deciso di toccar con mano la situazione e son salito devo dire senza problemi. Venendo al sodo:
Il guado del lavinale ove attraversato dalla strada si supera con facilità zampettando sui sassi che evitano un pediluvio glaciale.
Una prima lingua di neve costeggia il troi poco sopra i 1600mt ma non lo interessa se non per un piccolo mt.
Sopra i 1700 e per una lunghezza di circa 150mt di sviluppo (non di dislivello) dopo averne in parte costeggiata un'altra si deve poi camminarci sopra ma senza problemi perchè cede quel tanto da tener fermo lo scarpone. Non ricordo un passo a vuoto. Sopra e fino al Passo Lavinâl, null'altro.
La traccia che da detto passo scende per poi salire sulla Cimacuta me la sono improvvisata ma credo che avrei fatto meglio a camminare sulla neve che in buona parte copre il fondo del catino interessato, ma anche quì senza problemi. Io ho cercato di rimanere più in alto ma non ne vale la pena viste le battaglie con le varie lingue ghiaiose da attraversare in sequenza.
Nel canalino per la cima neve zero.
Scendendo la si incontra dove accennato a quei 150mt. da percorrersi sopra verso il Passo del Lavinâl. In pratica quando si scende dalla cima il tutto è sgombro fino a un centinaio di mt. sopra l'innesto con il 367, ma anche qui si scende facilmente o puntando i talloni o controllando lo scivolamento.
Concludendo: la neve per buona parte non c'è e quando c'è è facilmente camminabile. Giornata super con lieve piacevole brezza. Relazionerò nel posto giusto.
Mandi e buone camminate.
Messaggio
03-07-2014 18.45
loredana.bergagna loredana.bergagna
Bene bene; l'avevo messa in nota per domenica,una buona occasione per salutare l'Antonietta e contestualmente ascoltare il "concerto" jazz che si terrà d lei, al rifugio Giaf.
Grazie Cjargnel
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva