il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 84 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 19
Messaggio

Pericolo cani

09-06-2014 12.46
luca_di_collina luca_di_collina
Dato che nel giro di un anno sono stato assalito per la terza volta da cani mentre ero in mountain bike chiedo a chi si intende di animali da compagnia quale sia l'atteggiamento più corretto per far allontanare l'animale una volta che si è lanciato verso un essere umano. Finora me la sono cavata con qualche leggero graffio: pareva che il cane, richiamato dal padrone, volesse dirmi che era in grado di mordermi ma che non l'avrebbe fatto. Dal momento che ero in una situazione di svantaggio non ho né urlato contro né fatto movimenti bruschi ma i cani non hanno interrotto la loro corsa. Specifico anche che ero su strada pubblica e che non ho in alcun modo infastidito il cane né i loro padroni. Avendo due figlie piccole vorrei evitare "spiacevolezze".
Mandi
Messaggio
09-06-2014 14.32
giuseppemalfattore giuseppemalfattore
Caro luca, io spesso mi accompagno con un cagnetto in montagna, ti rispondo subito, la colpa è dei possessori dei cani.Io lo tengo quasi sempre al guinzaglio , lo libero poco, solo dopo essermi assicurato nessuna presenza umana, o in tratti difficili dove tenerlo legato diventa un pericolo per entrambi.E' buona norma e anche per legge, tenerlo a guinzaglio, sopratutto quando si incrocia qualcuno, i cani sono imprevedibili, quindi anche se il mio è assicurato non mi arrischio a rovinarmi un escursione, e qualche volta in passato per leggerezza ho rischiato.Non posso consigliarti di star fermo se ti assale, , nessuno può conoscere la psicologia del cane in quel momento, almeno io nonne sono presuntuoso.Mandi
Messaggio
09-06-2014 15.27
marcocar marcocar
Quasi nessun cane va contro la persona, nel tuo caso probabilmente e' il movimento della bicicletta a creare "minaccia" per il cane. Presumibilmente se tu scendessi dalla bici o ti fermassi cesserebbe anche l'attacco che stai subendo. Certo mi rendo conto che non è affatto semplice in certi frangenti, ne' piacevole.

Purtroppo - ampliando il discorso - non tutti i cani (per varie motivazioni) si integrano con ciò che sta loro attorno alla stessa maniera. Da quando abbiamo preso atto che il nostro ha qualche difficoltà (unicamente nel confronto con altri cani maschi) nostro e suo malgrado lo teniamo legato per lunghi momenti, sia se vicino notiamo altri cani o persone non bendisposte sia se passiamo da zone più frequentate (rifugio, punto tappa, alpeggio o altro) per farlo invece sfogare dove è possibile. Sopporto a fatica chi invece, pur possedendo cani di dubbia socialità, non pensa di non essere solo al mondo.

Ai bikers in genere chiederei solamente un po' di accortezza sulle carrarecce dove sarebbe anche piacevole sfrecciare veloci. Un cane potrebbe essere davanti al suo gruppo e non sapere perfettamente come spostarsi correttamente per lasciare spazio alle bici in discesa.
Messaggio
09-06-2014 16.33
GiulioTS GiulioTS
Ciao Luca poichè anche a me è capitato andadndo sia in montagna
che in bici di venire attaccato da cani lasciati liberi da qualche proprietario poco intelligente ( e non parliamo di cagnolini )mi sono stufato e ho comprato uno di quelli spray al peperoncino da autodifesa .Per ora non ho avuto occasione di usarlo ma nel caso una bella spruzzata dritta negli occhi dovrebbe farli desistere inoltre se sono a piedi porto attaccato allo zaino un bastone di corniolo bello nodoso . In fin dei conti io vado in montagna per stare in pace e divertirmi e non per farmi aggredire ne dagli umani
ne dagli animali . Buone camminate ! Ciao

Messaggio
09-06-2014 17.20
luca_di_collina luca_di_collina
Proverò a scendere dalla bici, anche se ieri non ne ho avuto assolutamente il tempo, nonostante fossi in salita. La cosa che non mi spiego è che in più di 20 anni che vado in mtb non mi era mai capitato nulla del genere.
Grazie e mandi.
Messaggio
09-06-2014 18.38
montanara montanara
Da escursionista appassionata e spesso con cane al seguito, normalmente provvedo ad agganciare il guinzaglio al collare quando incrocio persone o ciclisti.
Può capitare sulle piste forestali poco frequentate e in prossimità delle curve - quindi con la visuale limitata - di non fare in tempo ad agganciare il guinzaglio perchè il cane è più avanti. In questo caso il cane dovrebbe rispondere al suo conduttore eseguendo quei comandi fondamentali tipo il "resta". A me è capitato di non poterlo raggiungere in tempo ma il "resta" è stato sufficiente. Nel dubbio però sarebbe opportuno legare il cane o almeno tenerlo "al piede". Ai ciclisti rimane poco da fare perchè smettere di pedalare (si parla di piste forestali quindi non strade normali)e fermarsi immediatamente spesso non è agevole. Vale comunque la norma del non reagire, di stare fermi all'avvicinarsi del cane e non tentare di avvicinarsi al suo conduttore. Non è consigliabile neanche usare un bastone contro un cane perchè si potrebbe stimolare ulteriormente la sua aggressività.
Messaggio
09-06-2014 21.00
lorenzo78 lorenzo78
Tutti amiamo i cani ma nessuno vuole esserne morsicato, quindi ok accortezza e prudenza, ma la libertà del padrone del cane finisce dove comincia la mia,quindi concordo con GiulioTs anche se so bene che la colpa è più del padrone che del cane, ma a mali estremi...
Di solito incontro sempre cani docili ed affettuosi ma capita anche di imbattersi in esemplari aggressivi,te li trovi davanti e ti blocchi impietrito sorpreso dall'inaspettata ferocia,ma questo il padrone lo sa perchè conosce il carattere del suo cane,però sembra infastidito (quanto l'animale)dalla mia presenza,io saluto e procedo felice per non essere stato azzannato ma dopo ci penso e mi rimprovero di non aver rinfacciato al padrone di tenere l'animale al guinzaglio.
Messaggio
09-06-2014 22.19
brunomik brunomik
Ho letto da qualche parte, credo su un forum, che un buon sistema sarebbe mettere la bici tra te e l'animale ma non sempre si ha il tempo di farlo. Per cui mi procurerò anche io lo spray al peperoncino per spararlo sul cane e se il padrone protesta anche su di lui.
Messaggio
09-06-2014 22.19
giuseppemalfattore giuseppemalfattore
Il mio cane la pensa allo stesso modo, non sopporta gli escursionisti che gli fanno delle carezze , ma in realtà hanno paura di essere morsi, ne avverte le sensazioni, anch'io onestamente,ma la montagna è di tutti. Uomini, animali , anche dei cacciatori puttroppo che affrontano in una lotta impari altri animali, in quel caso mi sarebbe utile lo spray di Giulio , penso che una sana convivenza tra noi bipedi sia utile, Luca e le sue bimbe hanno il il sacrosanto diritto di andare liberi per monti e mari senza essere azzannati, e noi bipedi accompagnati da quatrupedi il santo dovere di rispettare l'ambiente che ci ospita con i suoi visitatori !
Messaggio
10-06-2014 09.41
alberto.ruan alberto.ruan
Quanto è istruttivo leggere queste nostre "discussioni"......
ma quanto mi piacerebbe non leggerle, basterebbe che noi padroni di cani (io cmq non c'è l'ho) fossimo civili, che noi ciclisti fossimo civili, che noi escursionisti fossimo civili, io prendo il cane, tu fermi la bici se puoi, io cedo il passo quando è giusto, " Prego, grazie, arrivederci e buona giornata..." Ha che stupido romantico che sono......ps sono il primo che si incazza come un treno se vedo porcherie tipo moto da cross per i sentieri ecc. Buone gite a tutti, Alberto.
Messaggio
10-06-2014 15.43
brex75 brex75
Ciao Luca se i tuoi spiacevoli incontri fossero avvenuti nei pressi di qualche casera, casa isolata o qualche borgata ( dove spesso i padroni dei cani non legano l'animale perche' pensano che " tanto non passa mai nessuno") e non dovuti ad un incontro cane-padrone in giro per le strade, bè allora sarebbe interessante sapere quali sono questi tre luoghi, in maniera tale che la gente sappia prima a cosa potrebbe andare incontro.
Un saluto e buone camminate, nonchè buone pedalate.
Messaggio
11-06-2014 08.36
luca_di_collina luca_di_collina
A parte Canebola paese gli altri agguati si sono verificati lontano da malghe o case.
Mandi.
Messaggio
11-06-2014 13.41
giuseppemalfattore giuseppemalfattore
Sarò noioso , ma il problema non dovrebbe sussistere per il semplice motivo che c'è una normativa che obbliga di portare i cani al guinzaglio , e non è in vigore da poco !Tutti i cani andrebbero registrati, e devono essere dotati di microcip, in modo di risalire facilmente in caso di smarrimento al proprietario.Per prevenire danni o lesioni a persone, animali o cose, l'ordinanza stabilisce che il proprietario e il detentore di un cane devono seguire determinate regole: «Utilizzare sempre il guinzaglio a una misura non superiore a mt. 1,50 durante la conduzione dell'animale nelle aree urbane e nei luoghi aperti al pubblico, fatte salve le aree per cani individuate dai comuni; portare con sé una museruola, rigida o morbida, da applicare al cane in caso di rischio per l'incolumità di persone o animali o su richiesta delle autorità competenti».
La legge del Ministro Lorenzin è stata pubblicata da pochi mesi sulla gazzetta ufficiale, ed è chiara. Mandi
Messaggio
11-06-2014 17.53
michela michela
Scusa Giuseppe ma non credo tanto nell'efficacia delle normative, l'esperienza ci mostra che in mezzo alla natura molti tendono a infischiarsene non essendoci controlli né sanzioni, mentre secondo me in questo caso sarebbe basilare (e sufficiente) il buon senso e il rispetto del prossimo. Mi chiedo anche come potrebbero lavorare legati i cani da caccia e da pastore: i primi credo siano praticamente inoffensivi con l'uomo, ma i cani da pastore possono essere sospettosi o territoriali, e si spera che quelli inaffidabili non vengano lasciati liberi, nell'interesse anche del proprietario... L'altro giorno mi ha accompagnata per un tratto di sentiero un cane da pastore, il pastore era più in là col gregge a mezz'ora di cammino: situazione che in sé ha qualche incognita, ma è una scena naturale e antica come il mondo e non vorrei che sparisse dalle nostre montagne... già alcune volte (l'anno scorso nell'incantevole conca di Vissada) ho visto pastori che per "modernizzarsi" radunano gli animali scorrazzando su e giù per i prati con moto fuoristrada: vogliamo preferire queste ultime perché non mordono?
Messaggio
11-06-2014 22.59
mitchbassist mitchbassist
Approfitto di questa discussione per segnalare 2 cani pastori molto agguerriti presso Case Val in comune di Socchieve lungo il sentiero 801. Ottima l' idea di Brex di segnalare i posti pericolosi per cani, più utile delle varie segnalazioni di vipere e zecche, a mio parere molto più gestibili. Buone camminate a 6 zampe.
Messaggio
12-06-2014 08.50
marcocar marcocar
Sono d'accordo con Michela. Fosse per le normative nessun cane potrebbe più scorrazzare in campo aperto, sfogarsi come facciamo noi. Già stiamo importando da anni dall'America l'utilizzo smodato di psicofarmaci in veterinaria, non ci mettiamo ad accentuare ulteriormente le restrizioni altrimenti questa pratica prenderà ancor più piede.

Il buon senso dev'essere alla base di tutto per permettere una felice convivenza. Chi si accompagna ad un animaletto più "irrequieto" deve proporzionalmente aumentare la sua soglia di attenzione e rispetto verso il prossimo. La pratica sarà pur mentalmente e fisicamente più faticosa, ma va fatta.
Messaggio
12-06-2014 11.29
giuseppemalfattore giuseppemalfattore
Ogni caso è soggettivo e ognuno di noi si basa sulle proprie esperienze, tralasciando le immagini bucoliche e romantiche di Michela, personalmente il mio cane è piccolo solo di forma e peso e fino a qualche anno fa era tranquillo, si faceva accarezzare da tutti, specie dai bimbi. Un giorno durante un escursione sul Peralba cambio comportamento verso gli umani. L'avevo lasciato un attimo fuori con lo zaino dal rifugio Calvi, in quel frangente azzannò ad un polpaccio una turista che gli si era avvicinato per accarezzarlo, scoprii per caso che quando ho lo zaino a terra nessuno gli si può avvicinare nel raggio di 100 metri, soluzioni ? Non lo porto più in montagna? Vado in posti selvaggi e isolati?,terza alternativa !!! Lo porto al guinzaglio e lo libero solo quando mi sono assicurato che non ci sono presenze umane, a lui va bene perché anch'esso ama la montagna, sicuramente più di me ,quindi salvate capre e cavoli ;) Mandi !
Messaggio
18-06-2014 18.00
Antonio Antonio
La mia esperienza di ciclista di pianura mi ha insegnato che, se il cane abbaia, basta fermarsi ed alzarsi in piedi per fargli passare improvvisamente ogni velleità nei nostri confronti; senza contare che un cane che ci finisce accidentalmente tra le ruote può farci molto più male di un cane che cerca di morderci. Per dare una base scientifica alla cosa basta tenere presente che il cane abbaia per segnalare al resto del branco (leggi il suo padrone) la presenza di un estraneo, e lo fa perché è riluttante ad affrontare da solo un avversario che, a seconda della taglia del cane, è svariate volte più pesante di lui; il cane che vuole effettivamente attaccare non abbaia e non avverte in alcun modo il suo obiettivo (fanno eccezione i pestiferi cani di piccola taglia), inoltre solo i cani addestrati hanno il coraggio di affrontare un uomo adulto, però potrebbero attaccare un bambino.
Per farla breve, il detto can che abbaia non morde è fondato, attenzione quindi a quelli che non abbaiano.
Messaggio
18-06-2014 18.04
Antonio Antonio
Aggiungo una piccola e doverosa nota al mio post precedente: un cane da solo è fondamentalmente un vigliacco, ma diventa più coraggioso, e quindi potenzialmente pericoloso, se è in gruppo.
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva