il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 81 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 15
Messaggio

GPS e cani

22-02-2014 01.44
marco.raibl marco.raibl
Durante una delle mie ultime escursioni ho avuto il piacere di essere accompagnato,nell'intero tragitto,da un meraviglioso cane meticcio.Dico meraviglioso perché,pur sapendo che gli animali non agiscono come gli umani,e spero che mai lo faranno,poteva sembrare l'incarnazione delle migliori qualità di noi bipedi glabri e pensanti (intelligenti?).Discreto,silenzioso,attento a che non smarrissi la giusta via,pareva una guida alpina intenta a portare il suo cliente a destinazione evitando infortuni.Era giunto dal nulla,mi aveva scelto come compagno per una scarpinata e mi aveva riconsegnato sano e salvo alla mia auto.Sono ancora commosso,umanamente commosso,pensando a lui.Vederlo seguirmi,precedermi,accompagnarmi lungo il tragitto,mi ha stupito per tutti i chilometri che ha macinato quel giorno.A occhio almeno il triplo dei miei.Da qui la mia domanda a chi,fra voi del forum,va per monti col proprio cane.Avete mai pensato di applicare il GPS al suo collare?Sarebbe interessante conoscere quanto i nostri amici si avvantaggiano delle loro quattro zampe.E quanto si 'affaticano' per amor nostro.Bau bau a tutti. Marco
Messaggio
22-02-2014 09.36
Tanasled Tanasled
Effettivamente ho avuto il piacere di essere accompagnato per più di una volta, per lunghe porzioni dei miei giri a bassa quota, da canidi apparsi dal nulla , l'ultimo episodio circa un mese fa nei pressi di Goregnavas; dal bosco è arrivato un anziano cane da caccia che mi ha accompagnato per 5/6 chilometri per poi deviare ad un bivio in direzione opposta alla mia. Come hai ben sottolineato colpisce la discrezione dell'animale nell'accompagnarti ed ovviamente la perfetta conoscenza del territorio. Tornando al tuo quesito, quando il tipo di tracciato/condizioni lo consentono porto con me il mio bestio, ed è già un po' che mi frulla l'idea di fissare all'imbragatura il Gps per fare un confronto con le statistiche della traccia, sicuramente la ditanza percorsa raddoppia.... Ti farò sapere.
Saluti
Messaggio
26-02-2014 22.09
askatasuna askatasuna
Mandi Marco! tralascio ogni commento sul gps per ringraziarti della tua preziosa condivisione emozionale. Leggendo della tua passeggiata a sei zampe mi sono commosso anch'io, immaginando quegli sguardi che solo chi ama incondizionatamente può donare. E quando questo capita in una forma così disarmante, sincera e profonda come solo un cane può fare e come a te è successo scuote ancor di più. Grasie inmò pa vemi sdrondenat il cûr, une strente sperant di cjatasi, ancjemò par cas, tai trois da vite. Wooof!
Messaggio
26-02-2014 22.38
marco.raibl marco.raibl
Ciao Guido.Quel giorno che ci siamo conosciuti a Pian di Cea avevi salvato la vita a una zecca.Un gesto che non dimenticherò mai più.Jainismo allo stato puro.Ti mancava solo la benda sulla bocca e lo scopettino per risparmiare le formiche dallo schiacciamento.Quel cagnetto vale la gita.Ognuno trae dalle creature i suoi insegnamenti.C'è chi prova solo fastidio,ritenedoli solo bestie.Come per gli umani,è solo questione di confidenza.Parlo anche con i cacciatori,comunque,e sono una fonte attendibile.Mi hanno detto che per un cane non corrotto dalla vita cittadina,fare 80-100 km al giorno non è un problema.La domanda iniziale,comunque,rimane.Ciao
Messaggio
28-02-2014 09.08
radetzky radetzky
Bellissimo questo post, grazie a marco.raibl !
A conferma vi presento l'amico Dick, guida alpina emerita della val di Rabbi (TN): se passate in zona ben attrezzati (lui ha un occhio incredibile a scegliere quelli giusti !) non mancherà di stupirvi !
http://girovagandoinmontagna.com/forums/index.php/topic,6692.msg89903.html

P.S. io invece coi cacciatori non parlo perchè non sono dotati dei sentimenti che invece i "diversamente umani a quattro zampe" possiedono ed esternano.
La mia cagnolina, che mi accompagna quasi sempre come i suoi predecessori, a casa si comporta ed è trattata come un umano ma ciò non le impedisce affatto, in montagna, di camminare anche per otto ore e fare dislivelli molto impegnativi (sempre rigorosamente al guinzaglio) nonostante la sua modesta stazza...
Messaggio
28-02-2014 09.18
radetzky radetzky
..ho dimenticato la foto tessera di riconoscimento della guida...eccola in allegato ;-)

Allegato: Dick.JPG
Messaggio
02-03-2014 22.53
marco.raibl marco.raibl
Grazie chi ha risposto.Non dobbiamo fare un'indagine scientifica,ma sono contento che qualcuno ha condiviso le mie curiosità.A presto,per altre amenità.Marco
Messaggio
03-03-2014 11.38
giuseppemalfattore giuseppemalfattore
Confermo le curiosita sopra esposte !Spesso vado in escursione in compagnia del mio cagnetto, e non di rado in alcuni passaggi difficili ho perso la traccia, il mio cagnetto intuisce e mi riporta sulla giusta via( sentendo sicuramente gli odori di chi è passato in precedenza), infaati il gps mi è superfluo quando ho la sua compagnia,.... i cani compagni ideali, ti chiedono poco, ti danno tantissimo
Messaggio
04-03-2014 11.33
cjargnel cjargnel
Mi ha colpito molto quanto descritto da Marco.Raibl e mai avrei detto che ieri sarebbe toccato a me vivere una analoga esperienza con un cane che sui primi rilievi della pedemontana si è comportato precisamente come quello di cui al post di Marco. Non cito esattamente i luoghi solo perchè diffido di qualche strano umano che potrebbe fargli del male. L'ho incontrato dopo che ero in cammino da poco più di un'ora. Direi un pastore o incrocio, con un mantello in prevalenza nero e poi variamente maculato di varie tonalità di grigio, con una modesta macchia bianca nella zampa anteriore sx. Ho precisato questo solo per sapere se magari abbiam fruito della magnifica compagnia dello stesso esemplare. E' stato magnifico. Anzi in una zona fortemente devastata dagli eventi legati al gelicidio, se anzichè testardamente battagliare con schianti e quant'altro per seguire il sentiero che più volte ho percorso, avessi seguito lui, avrei risparmiato non poca fatica e tempo. Tant'è che quando ho deciso di puntare a un tornante che sapevo esserci sopra, lasciando il troi a me noto, me lo son trovato davanti che mi aspettava quasi volesse dirmi "ti sta bene! alla fine ti sei deciso!". Sta di fatto che non mi ha più mollato. Ho provato a chiedere nelle varie frazioni a cui giungevo se qualcuno lo conoscesse perchè mi preoccupava che, dovendo rientrare all'auto per un ultimo tratto per strada asfaltata, potesse venir travolto. L'ultima persona da me interpellata, si è resa disponibile a informare l'ipotetico proprietario a cui, legando vari indizi, non ultimo un nome inciso in parte sul collare di cuoio di cui era provvisto, si era giunti. In ogni caso il cane ha proseguito con me fino all'auto, ha assistito al mio cambio di indumenti seduto davanti a me e dopo esserci a modo nostro salutati, son partito non senza un po' di amarezza. Mi son fermato un po' oltre per accertarmi del suo comportamento e, vedendolo proseguire a ritroso per la via già percorsa, mi sono rasserenato. Non lo dimenticherò.
Messaggio
04-03-2014 14.24
marco.raibl marco.raibl
Caro Cjargnel,anch'io ho evitato di dire il luogo dell'incontro.Non tanto per il male che potrebbe venirgli fatto,quanto per evitargli le eccessive attenzioni di qualche 'amante' degli animali.Non volevo farlo diventare il motivo per farsi una gita.Per me è e rimarrà un piacevole ricordo.Forse un giorno ci rincontreremo.So,comunque,che è ben noto in zona,pur vivendo lontano dal luogo in cui ci siamo incontrati.Un vero vagabondo.
Messaggio
04-03-2014 19.40
cjargnel cjargnel
Mi fa piacere, caro Marco, aver letto questo tuo ulteriore contributo che mi fa dire che abbiamo avuto le stesse sensazioni e che siamo giunti alle stesse conclusioni. Un grazie a te e agli altri amici del forum che hanno dimostrato sensibilità a questo tema. Mandi e buone camminate a tutti.
Messaggio
04-03-2014 20.41
marco.raibl marco.raibl
Mi era sfuggito.Il mio amico aveva un pelo diverso e dimensioni inferiori.Come risulta da altri post,questi cani fanno parte di quelle categorie,presenti anche fra gli umani,che hanno fiducia nel prossimo.Nulla si aspettano e nulla pretendono.Forse,un giorno,tu incontrerai il mio cagnetto e io il tuo.Ciao di nuovo.Marco
Messaggio
30-03-2014 21.07
Tanasled Tanasled
Oggi ho effettuato l'esperimento: durante una breve escursione ho dotato di GPS l'imbrago del canide al fine di ottenere un riscontro con la traccia dell'apparechio all'interno del mio zaino. La porzione di pescorso monitorata ha prodotto il seguente risultato:
Uomo: 6 km 600 mt+ di dislivello. Cane 9 km e 800mt+/180mt- di dislivello.
Il percorso in costante salita ha evidenziato dislivello negativo per il bestio, ovviamente a causa delle sue scorribande...

Saluti
Messaggio
31-03-2014 23.06
marco.raibl marco.raibl
Grazie mille.Sinceramente mi apettavo un risultato differente.A occhio,vedendo i su e giù e gli avanti e indietro del mio estemporaneo compagno di escursione,avrei triplicato sia il dislivello che il chilometraggio della mia camminata.Si vede che il tuo amico ama molto starti appresso.Beato te.Ancora grazie.Abbiamo un primo riscontro.Ciao
Messaggio
01-04-2014 15.22
danielaud danielaud
Permettete due righe da chi si e' appena iscritta al sito; ho letto con nn poca emozione il racconto e mi complimento per averlo saputo descrivere con la sensibilita' e l' affetto con cui solo chi ama gli amimali sa' fare.grazie!
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva