il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 214 ospiti - 4 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 13
Messaggio

Regole dei rifugi

03-09-2013 10.44
sara.gandolfi sara.gandolfi
Buongiorno a tutti!
Vorrei chiedere un vostro parere, sicuramente siete più esperti di me in materia...
In agosto io e il mio compagno abbiamo percorso una parte della traversata carnica: è stata un'esperienza davvero indimenticabile e che consiglio vivamente a chiunque abbia la possibilità di farla. Ovviamente avevo pianificato ogni cosa, ma non avevo potuto prenotare tutti i rifugi perchè, come ben sapete, gli inconvenienti sono sempre dietro l'angolo... mi hanno però sempre detto che i rifugi non possono lasciarti senza un ricovero per la notte, a costo di farti dormire sui tavoli o sul pavimento... siamo quindi partiti muniti di sacco a pelo e di una elevata dose di spirito di adattamento.
Eppure mi è capitato di entrare in un rifugio, chiedere di poter restare per la notte e sentirmi dire "non abbiamo posto!"... mi sono permessa di insistere spiegando che cosa stavamo facendo, che avevamo il sacco a pelo e che saremmo stati disposti a dormire dove capitava, ma ci hanno mandato via...
Forse è una regola che vale solo per alcuni oppure l'ho interpretata male o vale solo per determinate situazioni di effettiva emergenza... ne sapete qualcosa? Giusto per essere preparata alla prossima occasione.
Grazie,
Sara.
Messaggio
03-09-2013 11.18
fabio.bertrandi fabio.bertrandi
si trattava di un rifugio C.A.I. o di un rifugio privato?
Messaggio
03-09-2013 11.40
GiulioTS GiulioTS
Ciao Sara innanzitutto dovresti dire in che rifugio ti è
capitata questa brutta esperienza anche per fargli una
pubblicità negativa . Ora non so se il rifugio era in territorio
austriaco quali sono le loro regole . So di amici che sono andati
a fare un trekking in Svizzera e per problemi di connessione non
sono riusciti a prenotare alcuni rifugi , bene dopo 1500 metri di
dislivello in salita stanchi morti son dovuti ridiscendere a valle
perchè i posti erano tutti occupati . Per quel che ne so io per giusto dovrebbero trovarti una sistemazione di fortuna magari in
sala da pranzo per terra poi penso dipenda molto dal' intelligenza e dalla gentilezza del gestore . A me personalmente è capitato di salire al Rifugio Roma in Val Aurina per un invernale senza prenotare e sfiga ha voluto che ci fosse un corso di scialpinismo del CAI . Ovviamente non c'era nemmeno un posto libero , bene il gestore ci ha chiesto se ci adattavamo a dormire in sala da pranzo
a condizione che ci alzassimo un po prima perchè doveva
preparare le colazioni per gli ospiti . Abbiamo accettato ed è andato in un ripostiglio a prenderci 2 materassini gonfiabili e 2 coperte . Anni fa ho lavorato come volontario al Galassi in Dolomiti
il rifugio era stracolmo e per poter ospitare 2 escursinisti stanchi morti che percorrevano l' alta via noi "gestori" ci siamo stretti in una camera per lasciare libera una stanzetta per loro . Alla fine secondo me dipende tutto dal gestore se vede chi ha difronte come
un cliente o come un ospite . P.S.: Nel caso il rifugio sia di proprietà del CAI una bella letterina alla sede centrale e alla sezione di appartenenza ci sta proprio !
Buone escursioni
GiulioTS
Messaggio
03-09-2013 13.04
sara.gandolfi sara.gandolfi
Il rifugio è austriaco, ma essendo che fa parte dell'OeAV pensavo seguisse regole similari al CAI...
Al contrario, in TUTTI ma dico TUTTI i posti italiani in cui abbiamo pernottato (che fossero rifugi CAI o privati, agriturismi, casere o malghe) l'accoglienza e l'ospitalità sono state impeccabili! Addirittura mi è capitato che alcuni gestori fossero dispiaciuti perchè avevano finito le camere doppie, quando invece noi eravamo già contenti di avere un tetto sulla testa!
Messaggio
03-09-2013 13.34
brunomik brunomik
Intanto mi spiace per il problema che hai avuto ma vediamo il lato positivo, almeno in questo l'Italia è meglio dei vicini. Ad onor del vero mi è capitato diverse volte di pernottare in rifugi austriaci e non ho mai avuto problemi, anzi quando ho fatto il tratto iniziale della Traversata Carnica sono capitato all'Obstandersee Hutte (o qualcosa di simile, quello sotto la Cima Vanscuro) il rifugio era pieno ma mi hanno trovato un posto di fortuna nel corridoio. Si vede che hai avuto sfortuna.
Messaggio
03-09-2013 18.14
sara.gandolfi sara.gandolfi
Infatti non vorrei fare di tutta l'erba un fascio... essendo però stata la prima volta che ho dormito in un rifugio senza prenotare e per di più all'estero mi erano sorti dei dubbi...
Messaggio
03-09-2013 20.36
alessio2061 alessio2061
mi par molto ma molto strano che vi abbiano rifiutato un qualsasi posto, da loro vale come da noi e come in slovenia (tanto più che se sei socio cai con il bollino valido hai diritto allo sconto sul pernotto), mai prenotato in nessun rifugio e mai avuto problemi ne in austria e nemmeno in slovenia, se arrivi tardi ti adatti a quel che trovi, chiederò lumi alla mia compagna che è in contatto con l'OEAV su quanto accaduto.
Messaggio
03-09-2013 23.10
marcocar marcocar
Ci sono dei regolamenti che in una struttura CAI vanno rispettati, sull'Austria non so ma credo valga lo stesso.

"Il Gestore/Custode deve adoperarsi, in ogni caso, per assicurare a tutti i presenti la possibilità di un pernottamento di fortuna od almeno il ricovero, facendo conto sul loro spirito di adattamento."
Messaggio
04-09-2013 09.52
masurie masurie
credo che la filosofia dell'ultima frase va vista in una certa maniera. e cioè "se c'è un temporale, una bufera di neve, se arrivi al tramonto, se non se in grado di raggiungere la valle in sicurezza prima del buio, se sei stremato/infortunato, allora devo sistemarti in qualche modo e lo faccio". Ma se arrivi ad esempio alle 14, chiedi se c'è posto e non c'è e la valle o il prossimo rifugio è tanto vicino da permetterti di arrivarci tranquillamente in sicurezza, io non sono così convinto che il gestore sia obbligato a trovarti posto. e questo secondo me anche correttamente in un'ottica di fargli fare il suo lavoro nel migliore dei modi, prenotando se possibile. naturalmente è solo una mia idea. L'altra estate sul Brenta mi è successo che un paio di rifugi fossero pieni e ho dovuto allungare il percorso giornaliero fino al primo disponibile. Ma era tarda mattinata, bel tempo ed ero in perfette condizioni, quindi non ritengo che il gestore fosse tenuto a trovarmi un posto. Io la vedo così.
Messaggio
04-09-2013 11.20
GiulioTS GiulioTS
Ciao Masurie ma se tu fossi il gestore di un rifugio e ti
si presentassero due persone che stanno facendo una traversata
chiedendoti di poter pernottare anche se non ci fossero posti liberi
non cercheresti di trovargli una sistemazione ?? Io si !! intanto perchè un gestore di rifugio non è un albergatore e poi se vogliamo vederla pure da un lato economico sono sempre soldi guadagnati . In
Dolomiti zona Croda da Lago ce un rifugio che privilegia i "turisti danarosi" che salgono su con le valigie in fuoristrada agli alpinisti che magari sono impegnati in qualche trekking ecco secondo
me un comportamento del genere è assolutamente allucinante tenendo conto che il rifugio in questione appartiene al CAI .Ciao e buone camminate
GiulioTS
Messaggio
04-09-2013 19.29
luca.deronch luca.deronch
Secondo me le regole ci sono, però qualche volta ci si deve mettere un pò di coscienza e di buona educazione. A me è capitato di arrivare quasi a sera al rif. Biella (croda del becco) sotto il diluvio e trovare tutto pieno. La gestrice ci ha detto di attendere, avrebbe chiamato al Sennes per vedere se c'era posto se no avrebbe cercato di sistemarci lì come poteva. Combinato al Sennes siamo scesi al buio dove ci attendevano . Sul Tricorno poi è un classico che nei rifugi non ci sia posto , a camere piene si dorme sui tavoli e sulle panche , non si manda via nessuno. Forse siete stati solo sfortunati
Messaggio
05-09-2013 10.05
masurie masurie
Non dico cosa sia giusto o sbagliato, dico solo che è un mestiere difficile e dipende tanto dal comportamento delle persone. In questo caso probabilmente il gestore avrebbe potuto con coscienza chiudere un occhio visto che probabilmente i ragazzi non avranno preteso niente ma cortesemente chiesto anche solo un posto di fortuna. Non so a che ora siano arrivati in rifugio ma dico solo che, se la situazione non era di pericolo e c'era tempo, il gestore non ha contravvenuto a nessuna regola. Son sfumature certo ma cerco di mettermi nei loro panni. Come quando uno prenota e poi non disdice se non viene, non c'è scritto da nessuna parte che deve farlo ma sta nella sensibilità, specialmente per gruppi numerosi. Secondo me ci deve essere un rapporto di reciproca comprensione, correggimi se sbaglio.
Ciao!
Messaggio
05-09-2013 15.32
sara.gandolfi sara.gandolfi
Mah... credo che il mestiere di gestore di rifugi non sia per niente semplice, è praticamente impossibile accontentare sempre tutti!
Diciamo che alla fine della fiera non si è mai creato un serio problema: siamo arrivati al rifugio alle 16 circa, non era tardissimo e abbiamo avuto tutto il tempo per raggiungere un secondo rifugio dove poi abbiamo trovato posto tranquillamente. La situazione non era tragica, però, a parte "non ho posto" non ci ha detto altro... poteva almeno dirci "guardate c'è un rifugio più avanti e fai in tempo ad arrivare prima che faccia buio"... tutto qui!
Purtroppo non parliamo austriaco, giusto qualche parola di inglese, però il nostro interlocutore sembrava capire bene l'italiano... spero a questo punto che sia stato solo un problema di comunicazione...
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva