il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 96 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 9
Messaggio

Nuova strada in quota

02-08-2013 21.30
GiulioTS GiulioTS
Sabato scorso ho salito il Rancolin da Forni di sotto ma
subito dopo gli stavoli Preson l' amara sorpresa : una
nuova strada forestale . Giunto alla deviazione per il
ricovero Costa Baton un ' ordinanza del sindaco vietava
di percorrere il sentiero 212A per timore che i lavori
della nuova pista provochino scariche di sassi sul sottostante
sentiero. Una volta giunto a Forcella Rancolin ho incontrato un
escursionista della zona ed è emerso che la nuova opera servirà
alla monticazione di Casera Geveada .Sembra che il tracciato
passerà per il passo del Zauf forse pure con la realizzazione di un
traforo .Personalmente mi chiedo perchè realizzare una nuova strada
da Forni con un impatto ambientale allucinante quando si sarebbe potuto utilizzare ovviamente sistemandola la strada che sale da Sauris segnavia CAI 216 .Ovviamente scontata la solita domanda ma
la gente del posto condivide simili scempi ambientali ?? Probabilmente si tratta della solita furbata italiana ...
Buone escursioni a tutti
GiulioTS




Messaggio
04-08-2013 14.36
Michela Michela
Speriamo che non succeda... un altro bellissimo posto sfregiato! Sarebbe interessante anche sapere da dove sono piovuti i soldi per un'opera del genere visti i tempi di crisi, mi pare quasi che costerebbe meno portare le vacche in casera con l'elicottero! Quanto ai locali, credo che spesso vedano solo il profitto immediato e il vantaggio di pochi, cosa vuoi che importi il danno all'ambiente di fronte al privilegio di ottenere un permesso per salire col proprio fuoristrada laddove gli altri non possono... vera essenza dello spirito italiano! Inoltre un certo tipo di turisti forse si rallegrerà di avere un nuovo accesso adatto a mountain bike, ciaspole e scialpinismo... Caro Giulio non so in realtà quanti sono capaci di scandalizzarsi per uno scempio come questo, ma secondo me i luoghi di questo tipo sono i più minacciati: da un lato troppo appetibili da gente che vuol metterci le mani, dall'altro troppo facilmente accessibili per meritare l'interesse di certi pseudoambientalisti di stampo snob.
Messaggio
04-08-2013 21.43
GiulioTS GiulioTS
Cara Michela mi fa piacere che almeno una persona
su 120 che hanno letto il post condivida la mia
preoccupazione e dimostri sensibilità ambientale.
Penso che in questo come in altri casi di danni
all' ambiente valga sempre la famosa frase di
Toro Seduto : Quando avrete tagliato l' ultimo albero,
ucciso l'ultimo bisonte , pescato l'ultimo pesce , inquinato
l'ultimo fiume vi accorgerete che il denaro non si può mangiare !

Messaggio
10-08-2013 12.33
Pietro_Casarsa Pietro_Casarsa
Scusate ma non condivido la vostra opinione in merito alla nuova strada forestale. Se veramente servirà per la monticazione in casera sono d'accordo per la sua costruzione. Senza le infrastrutture minime la montagna non può svilupparsi. Niente sviluppo = spopolamento = mancata cura delle montagne. La montagna non è solo una toccata e fuga a camminare ed ammirare la natura ma è anche la vita di tutti i giorni = lavoro.

Buona giornata
Messaggio
10-08-2013 13.16
brunomik brunomik
Anche io mi chiedo a cosa possa servire questa opera faraonica e, aggiungo inutile. Per un'eventuale monticazione di casera Giaveada sarebbe stato più opportuno un accesso da Sauris e questa opera mi ricorda un post scritto da sottoscritto giusto un anno fa quando sono andato a casera Chianseveit e sulla strada di accesso da casera Razzo erano in corso dei lavori di sistemazione. La mia riflessione è che quando in montagna ci lavoravano i nostri nonni non c'era la necessità di strade e altre comodità del genere e oltretutto in zona di casere ce ne sono già diverse. Ora non so se tutte sono già utilizzate per la monticazione estiva ma se lo sono evidentemente la cosa deve rendere parecchio e se non lo sono si poteva, forse, trovare qualche altra il cui accesso non avrebbe comportato lavori così faraonici. Ma del resto siamo in Italia e qui nella mia zona abbiamo l'esempio lampante dell'ascensore del castello di Gorizia (ma a quanta gente servità mi chiedo io) o ancora la terza corsia del raccordo autostradale Gorizia-Villesse (faccio presente che l'autostrada slovena Nova Gorica-Razdrto ha due sole corsie per cui...). Evidentemente certi amministratori sono bravissimi a spendere soldi non loro.
Messaggio
10-08-2013 19.33
GiulioTS GiulioTS
Ciao Pietro io sono il primo a rammaricarmi dello
spopolamento della montagna ma se leggi bene quello
che ho scritto ,io mi lamento del fatto che sia stata creata una
strada ex novo con conseguente danno ambientale quando dal' altro
versante (Sauris ) ce già una pista forestale che sale in quota
e che si sarebbe potuto sistemare risparmiando tanti bei soldini
pubblici limitando pure i danni alla natura . Del resto siamo in Italia e non mi meraviglio più di tanto, basta che pensi che non ci
sono i soldi per nuovi Canadair ed elicotteri necessari allo spegnimento degli incendi ma per comperare gli F35 per combattere i
nemici della patria i soldi ci sono eccome ! A causa di questa lungimiranza intanto qui in regione finora se ne sono andati in fumo
soltanto 1000 ettari di bosco .
Ciao e buone camminate
GiulioTS
Messaggio
10-08-2013 22.31
giuseppemalfattore giuseppemalfattore
La verità sta quasi a mettà!!! Hofatto un mese di escursioni in lungo e largo , quasi sempre a cavallo del confine, e spesso oltre confine, ho sempre trovato triste l'incuria delle nostre strade,dei sentieri, il silenzio della natura ma anche del lavoro . luglio non è il mese dove i cantieri chiudono, ma da noi sono chiusi perchè non si costruisce , non si investe , così la montagna muore .Se vedete cosa hanno fatto in Austria in pochi anni dopo il passo di pramollo o altrove , laghetti, acqua dove gli animali possono albeverarsi, sfruttamento estivo delle seggiovie, i loro sentieri e le loro ferrate sono tenute meglio delle nostre, con cartelli indicativi, senza per questo snaturare la natura o le escursioni, anzi ...oggi come eccezione a forni di sopra ho visto tanta gente, mi ha fatto piacere perchè vedere le famiglie in montagna stimola le attività,senza nulla togliere al selvaggio, sul Pramaggiore non ci vai in auto o in moto ma con le tue gambe!!!
Messaggio
11-08-2013 15.39
Matthew Matthew
Totalmente d'accorso con Giulio TS
Messaggio
11-08-2013 15.39
Matthew Matthew
*d'accordo
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva