il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 159 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 13
Messaggio

Montagna e bambini

01-07-2013 15.06
anna.z anna.z
Amo e frequento la montagna da quando sono bambina e per questo mese mi piacerebbe fare una piccola esperienza con mia figlia (7 anni) per trasmetterle la stessa passione. Ho già avuto diverse occasioni per portarla in montagna a fare qualche piccola escursione, ma per lei camminare in montanga sembra quasi un tormento (è una pigrona!) anche se cerco di coinvolgerla con la ricerca dei segnavia, con l'osservazione della natura e dei suoni della montagna. Dopo aver sfogliato il nuovo volume di SentieriNatura dedicato ai rifugi, ho in mente una breve e semplice escursione da fare da sole, io e lei, con meta un rifugio in cui trascorrere la notte, dedicare la giornata successiva a qualche "esplorazione", per poi ridiscendere a valle. Sarebbe un tuffo nella natura e un'esperienza emozionante da fare con la mamma! Mi piacerebbe chiedervi un piccolo aiuto e consiglio su quale potrebbe essere la meta ideale, magari anche conoscendo le vostre esperienze. Grazie a tutti!
Messaggio
01-07-2013 15.40
GiulioTS GiulioTS
Ciao Anna io pure quando ero piccolo ero pigrone per camminare
in montagna .Comunque già a 3 anni facevo escursioni con i miei
un po camminando e un po in spalla dei miei genitori . Penso che il
Lago Volaia neve permettendo sia un ottima gita altrimenti il Rifugio
Brazzà da Sella Nevea o il Monte Forno verso Tarvisio . I mei mi motivavano dicendomi che ci sono i fortini dei soldati una bimba penso invece
sia più facile convincerla dicendogli che è pieno di fiori o che ci sono le marmotte comunque secondo me dovresti puntare a escursioni con un dislivello non eccessivo , con non troppo dislivello e in cui ci sia preferibilmente una malga o un rifugio in cui poter riposare .Buone camminate !
GiulioTS
Messaggio
01-07-2013 21.03
graziano.bettin graziano.bettin
Gentile Anna.
Hai mai provato a coinvolgere altri bambini nelle vostre escursioni? Non certo un plotone intero; magari solo il suo miglior amico. Lungi da me dal mettere in discussione le tue capacità, ma ti posso garantire che in compagnia sono molto più stimolati che da ogni tua sollecitazione, subentra fra di loro anche una sorta di competizione….e poi si divertono un sacco di più. Questo te lo dico per esperienza personale perché anch’io mi ritrovo nella tua stessa condizione (lui adesso ne ha tredici). Quando è con me non è proprio al settimo cielo (oddio…probabilmente non lo sarei nemmeno io se fossi in compagnia di uno come me); quando invece si ritrova in estate con gli amici a fare qualche escursione, guidata da altri, è tutta un'altra storia e va su contento e rapido che è una meraviglia. Diamogli tempo: prima o poi…forse….anche a loro verrà la passione. Mete ideali? Tutte indistintamente purchè con dislivelli non massacranti. L’ultimo volume di SN ….l’hanno fatto apposta e a pagina sette troverai qualche spunto “illuminante” sull’argomento
Messaggio
02-07-2013 09.36
anna.z anna.z
Buongiorno! Grazie dei vostri consigli!
Abbiamo avuto diverse occasioni in cui erano coinvolti anche altri bambini. E’ chiaro che in compagnia si stimolano a vicenda! Per dire la verità, siamo quasi costantemente in mezzo ad altri bambini (in famiglia tra l’altro organizziamo anche campi scuola in montagna) e il desiderio era proprio quello di ritagliarci una giornata, o meglio un weekend, da sole, facendo qualcosa di diverso ed emozionante assieme.
Non abbiamo mai passato una notte in rifugio e l’idea mi alletta. Cerco quindi consigli proprio sui rifugi più adatti, non avendone frequentati molti.
Grazie ancora!
Messaggio
02-07-2013 09.48
masurie masurie
A 7 anni mio padre mi ha portato in cima al Coglians, dormendo al Marinelli ma io magari ero un pazzo scatenato per la montagna....
Un bel posto tranquillo con possibilità di una bella passeggiata credo possa essere il rifugio Grauzaria. I gestori sono molto simpatici (se anche quest'anno sono li stessi)e poi potete salire fino al Foran o andare fino alla casera Del Mestri, posti magnifici. Buona gita!
Messaggio
02-07-2013 09.58
ivo.sentierinatura ivo.sentierinatura
Un buon inizio potrebbe essere il rifugio Tita Piaz con passeggiata a casera Tintina o alle casere Colmaier e Nauleni. In alternativa, una facile passeggiata porta al rifugio Zacchi da dove poi puoi salire alla Capanna Ponza.
Messaggio
02-07-2013 14.45
anna.z anna.z
Caro Ivo, proprio questa domenica ho fatto il sentiero T.Weiss (magnifico!) per poi concludere la giornata bevendo qualcosa al rifugio Tita Piaz, davanti al focolare acceso! L'ho trovato davvero molto bello e ho visto che era anche frequentato da diversi bambini. Unico neo: di giorno è un tantino sovraffollato, essendo raggiungibile dalle automobili.
Zacchi, Lambertenghi e Marinelli li abbiamo raggiunti in gite di giornata, mentre non ho mai visitato il Grauzaria e il Brazzà che mi avete segnalato. Il primo in particolare già lo avevo pensato come possibile futura escursione e penso potrebbe essere una buona opzione!
Messaggio
02-07-2013 15.01
ivo.sentierinatura ivo.sentierinatura
Allora senz'altro il Grauzaria.
In alternativa Giaf o Flaiban Pacherini (il secondo con gli stambecchi quasi assicurati)
Messaggio
02-07-2013 21.23
brunomik brunomik
Credo che tutti noi appassionati di montagna abbiamo provato a coinvolgere i nostri figli in escursioni sperando di avere un domani un nuovo camminatore (non mi sarebbe piaciuto troppo avere un'alpinista in casa). Adesso mia figlia ha 20 anni e ho cominciato a portarla in montagna da quando aveva tre-quattro anni anche se all'inizio la portavo solo sul Matajur. Poi nelle prime escursioni (aveva 4 anni e mezzo) l'ho portata sul monte Taiano - Slavnik nell'Istria slovena (rifugio in cima e quindi merenda compresa) poi tentativo sull'Osternig con arrivo solo fino all'Alpe Bistrizza (anche qui cibo), poi Pal Piccolo per i resti di guerra e rifugio Pellarini. Intorno ai sette anni Volaia, Jof di Somdogna e Jof di Miezegnot e qualche anno dopo sono riuscito a portarla fino alla Cima di Terrarossa, sul Gartnerkofel, sul Lastroni passando per i laghi d'Olbe, sulla Creta di Timau, al Krnsko jezero dalla val Lepena, Zermula, Bivacco Lomasti dal Pramollo, mulattiera del Poviz e sul momento non ricordo altro. Ricordo che non era facile convincerla ad andare ma poi mi ha sempre dato l'impressione di divertirsi abbastanza. Auguri
Messaggio
02-07-2013 21.31
maurizio.dose maurizio.dose
Ciao Anna ti consiglierei il rifugio Grego dalla Val Saisera, poco dislivello, poi puoi sempre andare al laghetto a vedere le salamandre.
Poco dislivello, bel Rifugio. Buona avvetura
Messaggio
11-07-2013 11.15
emilia.blu emilia.blu
Da mamma che è sempre andata a camminare in montagna da sola con il proprio figlio, che adesso ha 12 anni, penso che la tua bimba non sia pigra ma, come tutti i bambini, non ancora in grado di gestire il disagio provocato dalla fatica. Motivarli non è facile però ti posso suggerire ciò che ha funzionato nella mia esperienza di camminatrice con pargolo al seguito. Il punto è riuscire a tenerli concentrati su qualcosa di piacevole. Innanzitutto lungo il percorso si canta oppure si fanno giochi di parole o cose simili. Anche il binocolo o la macchina fotografica funzionano; di veduta in veduta e di scatto in scatto si arriva in cima. L'elemento che non deve mancare è l'acqua. Che può essere il laghetto come meta o il torrente dove vi fermate al ritorno a giocare. Per noi però quello che ha funzionato di più è stata la prospettiva di raggiungere il rifugio per mettere la firma sul registro degli ospiti, ma, soprattutto, la conquista della spilla, o dello stemmino, da fissare al rientro sullo zaino di scuola per essere esibito con i compagni di classe a dimostrazione delle prodezze estive. Buona escursione!
Messaggio
12-07-2013 00.16
andrea.pulito andrea.pulito
io ne ho due: la grande di otto anni è un pò più lagnosa, il piccolo di tre appena compiuti instancabile: quest'anno ha già superato i 400 metri di dislivello e lo zaino a lui dedicato sta ormai diventando un porta tutto tranne lui. libri di fiori, macchina fotografica, sentieri didattici, animali (le mucche sono già più che sufficienti!), funziona un pò tutto. lo scorso anno notte al rifugio zacchi e si sono divertiti un casino ma la motivazione principale che li spinge a superare qualsiasi fatica sono le salsicce che il papà cucina sul fornelletto a meta raggiunta!!!
Messaggio
16-07-2013 11.34
anna.z anna.z
Purtroppo temo che dovremo rimandare l'escursione al mese prossimo...continuo a seguire i vostri preziosi consigli! Grazie a tutti
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva