il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 162 ospiti - 3 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 7
Messaggio

Informazioni, Monte Plauris

20-06-2013 21.29
felixvandebon felixvandebon
Vorrei sapere l'itinerario migliore per il Monte Plauris, avevo sentito che il sentieo era interrotto da una frana.
Intenderei fare il percorso C.A.I. numero 701, eventuali difficoltà.
Ringrazio fin d'ora Tutti, e Buone Escursioni a Tutti, Ciao da Felix.
Messaggio
20-06-2013 22.12
loredana.bergagna loredana.bergagna
Aentiero 701 quindi partenza da Tugliezzo. Fatto più volte, l'ultima un anno fa quindi notizie fresche del sentiero non ne ho; posso dirti solamemnte che non ci sono particolari difficoltà, percorso nel bosco fino a passo Maleet e poi allo scoperto. Unica attenzione ai segnavia a volte poco visibili nella risalita dalla conca di Cjariguart fino alla cima ed a un breve passaggio su cengia quando il sentiero piega a sinistra in prossimità della cima. Da non farsi in caso di nebbia (come invece in un'occasione ho fatto io). Buone escursioni
Messaggio
21-06-2013 11.30
sergio sergio
La chiarissima Loredana ha sintetizzato in modo preciso e puntuale le difficoltà del sentiero 701. Secondo le indicazioni C.A.I. Il tempo di percorrenza è di quattro ore e dieci minuti.
A beneficio di quanti continueranno a leggere...
Il sentiero 728/A, a parità di tempo (circa), comporta due passaggi di difficoltà diversa: nel primo tratto di bosco, dovrai aggirare, su terreno sdrucciolevole alcuni grossi massi, il passaggio è agevolato da un cavo; successivamente nel traverso sotto la cima Somp Selve (poco dopo il bivacco Coi), ti si offrirà una visuale della val Lavaruzza piuttosto verticale, nonostante il comodo passaggio, io presto sempre grande attenzione. Alternativamente, dal bivacco Coi e se non temi il sole, puoi percorrere un grandioso traverso (sul versante sud est) poco sotto le cime della dorsale del Plauris fino ad arrivare sotto la forca Slips, dove si lascia il sentiero e si risale a sinistra il ripido prato (si cammina esposti continuamente al sole su prati per lo più con evidenti traccie).
Il dismesso sentiero 728, a causa di una frana, è la via più diretta al Plauris. Di solito viene percorso da persone del posto, mi riferisco in particolar modo agli angeli custodi del Bellina, che saluto. I passaggi su materiale detritico e su parti di sentiero erose esigono sempre la massima attenzione. Il sentiero 705, non comporta difficoltà aggiuntive rispetto al 701, ti porta in cima in quattro ore e trenta (tabella C.A.I.). Purtroppo non ho notizie recenti sul sentiero 702 che parte da Povici, per cui preferisco non sbilanciarmi.
Infine, se per migliore intendi il più panoramico, allora prima bisogna salire sul Lavara, e poi seguire il crinale fino al Plauris. E' molto più impegnativo e presenta delle difficoltà molto diverse da quelle illustrate in precedenza (la foto allegata può rendere la bellezza dell'itinerario ma non la complessità), se avessi bisogno di dettagli, non esitare a chiederli.
Tutte le vie, le ho percorse poco tempo fa. Di frane non ne ho viste, posso dirti che, in diverse misure su tutti i sentieri, dopo le abbondanti nevicate dello scorso inverno e le piogge recenti, ho notato che molti sassi si sono mossi, e altri, si sono coperti di detriti (sterpaglia, rami, altri sassi), per lo più in corrispondenza di canali detritici o ghiaioni. Tutto ciò non ha pregiudicato in alcun modo la salita al Plauris. Concludo dicendo che le mie notizie, per quanto riguarda lo stato dei sentieri, sono attendibili per circa l'ottanta per cento il restante venti era ancora coperto da neve, e risalgono all'ultima decade di aprile e alla prima di maggio 2013.
Allegato: P1060658.JPG
Messaggio
24-06-2013 20.55
felixvandebon felixvandebon
Grazie per le esaurienti infrmazioni, Felix.
Messaggio
24-06-2013 21.31
sergio sergio
In realtà al plurale si scive tracce. Sarebbe meno umiliante se fosse possibile correggere subito i miei errori. Al comprensivo Ivo chiedo se è possibile. A quanti interrogano, se mi è concesso, chiedo di confermare o smentire, o quantomeno di aggiornare l'informazione ricevuta. Credo sia utile ricordare che, con le nostre domande, non ci rivolgiamo ad un interlocutore ideale, bensì ad una pluralità indeterminata di persone.
Messaggio
30-06-2013 15.02
alessandro.cum alessandro.cum
Se non ti va di farti 900 metri di dislivello nel bosco, in estate, se e quando è aperto l'agriturismo Malga Confin, ci arrivi in macchina dalla Val Venzonassa e da lì è "più comodo".
L'ultimo tratto su roccette, comunque non complicato.
Messaggio
30-06-2013 19.17
giuseppemalfattore giuseppemalfattore
Se ti vuoi divertire a parte che ti porti un bel po d'acqua al seguito ti consiglio il 705 da Venzone, indimenticabile ;)
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva