il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 183 ospiti - 2 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 12
Messaggio

Casera Pezzeit di sotto

26-12-2012 18.16
carisha carisha
Ciao a tutti, volevo sapere se il ricovero è raggiungibile da Preone lungo il CAI 803 anche in questa stagione con la neve e/o con le ciaspe!
Nel caso non fosse possibile, la strada della valle di Preone rimane aperta pure d'inverno?
Messaggio
27-12-2012 20.00
marco.d marco.d
Ciao, ho percorso il sentiero da Preone a malga Pezzeit di sotto un paio di anni fa nel tardo autunno, incontrando neve solo nell'ultimo tratto. La maggior parte del percorso si svolge in uno splendido bosco di faggi; a mio parere è percorribile anche con la neve (che peraltro in questo momento dubito sia abbondante, vista la quota). Ci sono comunque dei tratti molto ripidi (in particolare per raggiungere il monte Pezzeit), che sono faticosi da percorrere con le ciaspe. In caso di neve ghiacciata, come al solito, fare attenzione nei tratti ripidi. Della strada che sale lungo la valle di Preone, non so dirti nulla di preciso. Dalla malga splendido panorama su gran parte delle carniche. Saluti
Messaggio
27-12-2012 21.18
Michela Michela
Confermo quanto detto da marco.d, anch'io sono salita due anni fa con poca neve e in tal caso è fattibile; il tratto ripido a N tende a ghiacciare ed è meglio se ha quel po' di neve da permettere l'uso di ramponi. L'accesso stradale a Piè della Valle adesso è problematico vista la frana della val d'Arzino, la stradina della val di Preone d'inverno è chiusa (anche d'estate non è tanto comoda dal lato di Preone...). Ciao
Messaggio
04-03-2013 16.05
carisha carisha
Non essendoci ancora andata richiedo cortesemente le stesse info nel caso qualcuno ci fosse stato nelle ultime 2 settimane, grazie.
Messaggio
10-04-2013 13.40
carisha carisha
Non essendoci ancora andata richiedo ulteriori informazioni, se qualcuno ci è stato di recente, sulla presenza di neve!
Volevo anche sapere se la strada da Preone è aperta e se vi è sempre il pericolo dei furti lasciando l'auto all'inizio del CAI 826 a Piè della Valle.
Messaggio
16-04-2013 11.21
orso.bruno orso.bruno
Purtroppo non sò darti notizie sulla neve, ma se hai paura dei furti ci sono anche queste varianti da Preone e da Socchieve, prese dal web:

Le strade che portano a Pezzeit sono fondamentalmente 3: vi si può arrivare direttamente da Preone mediante la mulattiera di Seluta oppure dalla Valle di Preone (Chiampon), lungo la pista forestale di Plan Vidal o dal Vallon.
L'itinerario che ho seguito io, è via Seluta all'andata e via Plan Vidal al ritorno. Secondo me è la strada migliore, perchè abbastanza panoramica e facile, inoltre al ritorno è possibile, nei mesi estivi, fermarsi alla locanda "al Pioniere" in Chiampon per concedersi un meritato tajut.
E' preferibile lasciare l'auto a Preone, perchè il piazzale di San Florean o l'imbocco del sentiero paleontologico sono luoghi isolati e talvolta frequentati da persone poco raccomandabili.
Da Preone si prende la direzione Chiampon e si prosegue sulla strada asfaltata fino all'imbocco del sentiero paleontologico; in via teorica è possibile fare il sentiero paleontologico e poi proseguire per Seluta, ma questa deviazione allunga i tempi e rende la camminata più dura nel seguito. All'imbocco del sentiero si prende la strada asfaltata a destra e si prosegue fino al piazzale di San Florean. Qui si prende la pista forestale a destra, dove dopo un po' si trova una tabella del CAI con i tempi di camminata.
La pista forestale continua per un bel pezzo fino a quando, dopo un tornante, diventa una mulattiera. Da una "finestra" lungo la pista forestale si può osservare tutta la parte bassa della Val Tagliamento, con Preone ed Enemonzo in primo piano e il costone di Lauco che sovrasta Villa Santina sullo sfondo. Proseguendo poi lungo la mulattiera si arriva nella piana di Seluta, dove c'è un piccolo rifugio.
Da Seluta a Plan Vidal la mulattiera è abbastanza erta e piena di fogliame. Per qualche anno il gruppo di Protezione Civile di Preone l'ha pulita in occasione di una gara di mountain bike che adesso è stata trasferita a Sauris. Durante l'autunno del 2002 sono caduti molti alberi nella zona di Plan Vidal, ma i mezzi non hanno potuto spingersi molto dentro il sentiero e quindi bisogna scavalcare alcuni tronchi in due punti della mulattieraFinita la mulattiera ci si immette in una pista forestale che, per arrivare in Pezzeit, bisogna seguire verso monte.
Una volta arrivati alla casera, ci si può riposare contemplando i prati di malga Palis sul massiccio del Pizzat verso est, il monte Burlat verso sud, Ampezzo e la valle del Lumiei in direzione nord.
Volendo si può poi proseguire verso la cima del Burlat o, tornando indietro, verso la casera di Pezzeit di Sopra ed il Valon.
Tornando invece a Plan Vidal, si prosegue verso valle fino a Chiampon lungo una pista forestale, da dove si possono vedere i casolari della Valle di Preone dall'alto.
Da Chiampon a Preone la strada è asfaltata, e all'imbocco della Valle, come già accennato, si può salire al Pioniere ber bere un buon bicchiere o per mangiare (prenotando: 0433749066) i piatti tipici della cucina carnica.

Patenza da Socchieve. In direzione Villa Santina si svolta a destra verso Preone. Seguire indicazione direzione Valle di Preone. Passato un guado inizia la salita su strada asfaltata. Tratto impegnativo con pendenza sul 20%. Successivamente la pendenza cala e si continua in piano arrivando in località Stavoli Piè della Valle. In breve si arriva ad un bivio (cartello CAI 826). Si prende la strada forestale sulla destra in discesa e si attraversa il guado. La salita è abbastanza impegnativa perché si mantiene costantemente ripida ed il fondo è a tratti sconnesso. Raggiunto il bivio con il sentiero CAI 802 si prosegue sulla destra. Al successivo crocevia si prosegue in salita sulla sinistra. Si continua sempre su pista forestale fino a Malga Pezzeit di sotto (1466 m). Prima di raggiungere la malgaall'altezza dell'ultima curva inizia il sentiero Cai 803 che porta alla cima del monte Pezzeit (1422). Poco dopo inizia una parte di ripida discesa con tratti da percorrere con cautela. La ripida discesa termina e si giunge ad un’ampia radura erbosa (baracca). Il sentiero si trasforma in strada sterrata. Dopo alcuni tornanti si segue la traccia di sinistra n. 803 per Socchieve. Seguire sempre i segnali bianco- rossi del CAI tralasciando le altre tracce. Ad un certo punto il sentiero ha termine e lungo ripidissima strada si sbuca in un prato in prossimità di alcune case (loc. Spaia) Ancora breve single track e si raggiunge strada asfaltata. Passato il ponte si continua a destra ed in breve si perviene al punto di partenza. Durante il periodo invernale attenzione alla presenza di neve e ghiaccio lungo il tragitto.
Buon divertimento


Messaggio
17-04-2013 21.41
mauri.maf mauri.maf
Ci sono stato in pieno inverno con tanta neve.
Con le ciaspe nessun problema.
Anzi...bellissimo!
Messaggio
23-04-2013 16.23
orso.bruno orso.bruno
Probabilmente in questo periodo la neve si sarà sciolta e la bella malga potrebbe essere raggiungibile pure da Preone!
Ma è proprio vera la storia dei furti partendo dalla valle di Preone?
Messaggio
23-04-2013 17.41
carisha carisha
Quasi quasi ci faccio un pensierino nel fine settimana!
Sapete se c'è pericolo di zecche salendo da Preone per il m.Pezzeit visto che la val Tramontina non è molto distante?
Messaggio
24-04-2013 12.02
giuseppemalfattore giuseppemalfattore
penso che non ti devi preoccupare della valle tramontina, ad esempio ne ho viste migliia sul monte pisimoni anni fa, le zecche le trovi di sicuro dove c'è selvaggina e la natura è più selvaggia, sopratutto fino ai 1500 mt di quota ti devi rassegnare, pantaloni lunghi , magliette aderenti e ogni tanto una controllata, stare attenti quando si passa in mezzo alla boscaglia e se si deve fare una sosta preferibilmente su qualche masso,non voglio fare una difesa della valle tramontina, e che poveracci si sono fatti la nomina, ma poi le zecche le trovi da per tutto, puo essere utile avere al seguito una pinzetta e una bottiglina con dell'alcol e cotone idrofilo, se ti beccano le stordisci con l'alcol e dopo un po con la pinzetta la si prende e la si gira in senso anti orario finche non si stacca, l'importante e che non rimane dentro la testa.....Mandi.
Messaggio
24-04-2013 12.10
giuseppemalfattore giuseppemalfattore
p.s utile può essere anche spruzzare del vecchio profumo sugli scarponi, non amano i profumi forti, sperimentato ;)
Messaggio
29-04-2013 13.20
pitusso2012 pitusso2012
Ciao Carisha, puoi salire tranquillamente da Preone lungo la carrareccia che porta al Piano di Seluta, dove trovi pure un piccolo ricovero in legno, per poi proseguire ripidamente lungo il CAI 803 fino al M.Pezzeit.
Quì venerdì 26 aprile c'era ancora parecchia neve fino alla malga!
La carrareccia che sale dalla Valle di Preone risultava molto innevata e difficilmente percorribile senza le ciaspe!!
Nessun problema di zecche, perchè il tratto nel bosco si svolge nella faggeta e non vi sono adesso nè erba alta nè sterpaglie sul percorso!
Ti rimando ai "Commenti" per alcune foto e ti invio un'altra del ricovero.
Allegato: Il Cason di Seluta.JPG
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva