il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 112 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 15
Messaggio

Escursioni più giorni Jof Fuart

12-07-2012 23.25
Martino Martino
Avevo in mente un'escursione di più giorni così suddivisa:
1° giorno: parcheggio - rifugio Corsi
2° giorno: Corsi- Jof Fuart - Pellarini
3° giorno: Pellarini - sella Nabois (per sentinero num. 616) - sentiero num. 626 - malga Grantagar - parcheggio

Mi sapete dire se la gita è fattibile e le condizioni dei sentieri?
Ci sono tratti di ferrata?

Grazie!
Messaggio
13-07-2012 11.31
masurie masurie
1° giorno facile anche se io partirei da sella nevea.
2° giorno spiega meglio come la intendi perchè io la vedo come Corsi-Cima-Sentiero Goitan-Forcella Riofreddo-Sella Carnizza e Pellarini. Lunghina...
3°giorno io direi che forse ti servono i ramponi sia per lo Studence che per la risalita a forcella lavinal dell'orso (che da quel lato non ho mai fatto e non ho idea com'è e se c'è ancora la traccia del sentiero.
forse dovresti spiegare meglio le tue intenzioni....
ciao
Messaggio
13-07-2012 13.06
nicola.narduzzi nicola.narduzzi
Non capisco neanche io cosa intendi il secondo giorno. Se pensi alla discesa per la gola nord est considera che è una via di gran lunga superiore alla normale da sud e al sentiero anita goitan, perciò se intendi percorrerla te la raccomando solo in caso di ottimo allenamento e solida esperienza montana non solo con escursioni e ferrate, visto che prevede brevi tratti di arrampicata. Per la risalita al lavinal dell'orso quest'anno non penso servano ramponi vista la stagione inoltrata e la scarsità di neve di questo inverno, ma visto che comunque l'ultimo tratto è piuttosto ripido e incassato io ti consiglio di portarli comunque: meglio un po di peso in più ma la certezza di poter procedere in sicurezza!!
Messaggio
13-07-2012 16.46
Martino Martino
Per il secondo giorno ero indeciso se fare cima Jof Fuart - forcella Rio Freddo - Sella Carnizza - Pellarini (molto lungo) o se scendere per la gola NE. Il dubbio sta nel fatto che non trovo informazioni sullo stato della gola e non ho idea della difficoltà: se paragonata al canale Findenegg è più o meno difficile?

Per la traccia dei sentieri ho anche a disposizione un GPS nel caso servisse
Messaggio
13-07-2012 17.41
masurie masurie
la gola nordest in salita è 50 volte più impegnativa del canalone Findenegg (se intendi quello al Montasio). In discesa credo l'ultima volta l'abbia fatta Comici per rientrare al Pellarini dopo la conquista della Riofreddo....
A parte gli scherzi, tratti di II+/III praticamente sprotetti (a meno che non abbiano nuovamente ripristinato tutte le assicurazioni ma non mi risulta). ciao
Messaggio
13-07-2012 19.41
Martino Martino
Grazie per le info! Penso opterò per non fare la gola (prima la proverò in salita).

Grazie mille
Messaggio
13-07-2012 20.19
maredinubi maredinubi
Mi scusa fin d'ora per il pippotto.

Se sei abbastanza "scafato" da pensare di fare la gola nord-est in discesa, scusa la franchezza Martino, non dovresti neanche fare queste domande.
Uno che è in grado di fare il II grado in discesa non può chiedere se il giro è fattibile: si prende cartine, guide, internet, e si studia l'itinerario a tavolino (avvicinamento, tempi, difficoltà, meteo).
Quando parti da casa, devi sapere già cosa ti aspetta: se 700m di dislivello oppure 1400, se di II c'è solo un passaggio oppure 70m.
Certo, ci sono gli inconvenienti, ed è per questo che si deve viaggiare con il margine di sicurezza (sulle difficoltà che si è in grado di superare, sulle ore di luce a disposizione, nei litri di acqua nello zaino).

Inoltre, di solito le difficoltà maggiori si fanno in salita, riservandosi una discesa comoda o, al più, non tanto complicata.

Quindi, per fare la gola in discesa (fattibilissimo), secondo me sarebbe opportuno:
1) averla già fatta in salita, oppure
2) essere bravini sul II/III

e comunque quel giorno i 40m di corda da 8mm devono stare nello zaino e non a casa (o nell'auto).

Non capisco quindi perchè non sali per la gola il 1° giorno, con pernotto al Corsi, e il 2° giorno rientri in val Saisera per il Lavinal dell'Orso dopo aver fatto Cime Castrein (ad esempio), oppure dalla Forcella Riofreddo (o meglio dall'intaglio successivo, in quanto la prima é diventata praticamente alpinistica già dal 2008, anno in cui salii la gola e scesi per la Riofreddo con alcune calate, circa 9-10h).
E poi: che senso ha salire il 1° giorno solo al Corsi (2,5h)?

Scusami ancora per il papiro.
Messaggio
13-07-2012 22.17
Martino Martino
Ho già fatto qualche II/III grado, la mia domanda riguardava circa le condizioni dei suddetti sentieri. E avevo la speranza di trovare qualche info in più rispetto a quelle già raccolte (avevo già letto qualche reportage sulla gola ma risalente a due/tre anni fa, quindi mi interessava avere qualche info più recente).
Purtroppo per la data prevista la mattina ho un impegno e quindi salirei al Corsi solo dopo pranzo, per questo ho optato per questo giro
Messaggio
13-07-2012 23.04
renato.tirelli renato.tirelli
se lo fai partendo dal Pellarini risolvi un sacco di cose, secondo me...
Messaggio
14-07-2012 10.49
StefanoC StefanoC
Qualunque cosa tu decida non farne parola col gestore del Corsi pena filotti più pesanti di quello di maredinubi.
Peccato che qui ti abbiano fatto cambiare idea sulla discesa per la gola NE: riconsiderala.
Messaggio
14-07-2012 12.54
nicola.narduzzi nicola.narduzzi
concordo in pieno con maredinubi sui requisiti che un alpinista deve avere per discendere l'impegnativa gola nord est (cosa che peraltro fanno praticamente tutte le cordate che salgono le vie alpinistiche dal lato del pellarini). Non conoscendo il livello d'esperienza dell'interessato mi pare un pochino azzardato consigliare di scendere per un itinerario così difficile, considerando inoltre che, se salendo dal pellarini il nevaio iniziale funge da "filtro" per gli indecisi, in discesa questa insidia può costituire un problema non da poco (comici stesso bivaccò a causa del nevaio insuperabile) e compromettere la gita.

Detto questo, consiglio di leggere attentamente l'ottima relazione della gola presente nella guida di Mazzilis e, se la si ritiene alla propria portata, andare a farla (con tutta l'attrezzatura necessaria)!!
Messaggio
15-07-2012 21.12
maredinubi maredinubi
ciao Nicola,

mi puoi contattare?

maredinubi@libero.it
Messaggio
16-07-2012 10.21
masurie masurie
mah, non credo produttivo consigliare a qualcuno che evidentemente non conosce bene la zona di fare la gola in discesa, anche se attrezzato ed allenato. per il resto tutto si può fare
Messaggio
16-07-2012 22.14
nicola.narduzzi nicola.narduzzi
masurie io intendevo "andate a farla" in salita (pensavo fosse sottointeso visto la mia precedente risposta, comunque sempre meglio chiarire in effetti)
Messaggio
18-07-2012 09.10
masurie masurie
Giusto per puntualizzare... :)
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva