il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 120 ospiti - 2 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 5
Messaggio

Monte Lavara

20-04-2006 00.00
Fausto Fausto
Vorrei salire sulla cima del M.Lavara. Qualcuno mi può dare qualche informazione?GRAZIE
Messaggio
21-04-2006 00.00
Andrecosmico Andrecosmico
Ciao Fausto il monte Lavara è una bella cima. Le mie indicazioni sono però da riferirsi a un po' di anni fa.
E' un'escursione lunga e faticosa. Quando l'ho fatta io avevo abbinato l'ascesa da Venzone fino a casera Confin in MTB su una strada di medio impegno. Lasciata la bici nelle stalle, ho proseguito a piedi lungo il sentiero che si diparte sulla destra dando le spalle all'ingresso della malga. Mi ricordo che c'era un segno rosso al limite del bosco. Seguendo la descrizione della guida, io e un mio amico ( eravamo in 2 ) abbiamo puntato il versante E della montagna seguendo prevalentemente sentieri di mucche alla ricerca del canalone. Di tanto in tanto c'erano dei segni rossi sui massi, purtroppo non troppo evidenti, se non quando ci stavi sopra. Superato il bosco ( non è grandissimo) siamo arrivati sulla spalla che scende +o- in direzione di sella Campidello. L'abbiamo risalita pensando che puntasse il canalone soprastante. ATTENZIONE: non è il canalone giusto!!! Bisogna spostarsi verso destra in salita scavalcando qualche pulpito di roccia. L'unico pericolo è dato dall'acclività. Si entra così nel canalone giusto (anche qui si ritrova qualche bollo rosso), lo si risale. E molto ripido ed è costituito da roccette miste ad erba. Alla fine si esce sulla cresta dove a sin in pochi minuti c'è la vetta. In cima abbiamo trovato solo una tabella con l'indicazione "monte Lavara" probabilmente posta dall azienda del parco prealpi giulie.
La discesa, invece, l'abbiamo intrapresa lungo la cresta W fino ad una evidente sella-catino. Dalla cima fino a qui mi ricordo molti bolli rossi in buono stato. La traccia prosegue verso sin in direzione della valle dove sono poste malga Confin e Ungarina. Infatti rapidamente, tra sfasciumi, siamo scesi alla prima malga dove avevamo le bici. Mi dispiace di non avere notizie recenti. Cmq con una giornata limpida, è una bella escursione ed è facile, in casi di necessità, orientarsi.
Buona escursione mandi
Messaggio
21-04-2006 00.00
Andrecosmico Andrecosmico
Dimenticavo che sul posto esiste anche un po'di bibliografia.
Ti segnalo:
F. Cucinato "Sui monti del Friuli" pag 228 ( il libro è un po' datato e le descrizioni non sono sempre accurate)

"Centosettanta escursioni sulle montagne friulane" ED Centro comunicazioni sociali Udine pag70

mandi
Messaggio
21-04-2006 00.00
Giuseppe Giuseppe
Caro Fausto, il Lavara è una montagna ingiustamente trascurata, colpa del più noto Plauris che gli sta accanto (curioso destino di molte altre montagne come ad esempio il Cimone del Montasio). L'auto la puoi parcheggiare in Val Venzonassa prima di Borgo Costa, più oltre non si potrebbe proseguire. in 40-45 minuti sali alla chiesetta di Sant'Antonio. Poi prosegui fino alle Malghe Ungarina e Confin (vedi gli itinerari corrispondenti a queste malghe in questo sito). Presso malga Confin comincia "il bello": su un masso vicino a delle panche con tavolo trovi una scritta "Lavara" e una freccia. Da qui in poi il tragitto è segnato da bolli rossi ma il sentiero è evidente. Si prosegue a mezza costa in una bella faggeta in modo da raggiungere il ghiaione del versante sud del Lavara. Raggiunta la base del ghiaione, ormai fuori dal bosco, si prosegue in salita fino ad incontrare un masso che indica un bivio. Qui conviene puntare direttamente alla vetta risalendo faticosamente il ghiaione fino al cupolone terminale del monte. Si raggiunge così la cresta ovest (ottimo panorama sul Plauris). Attraverso un canalino che obbliga ad arrampicare un po'(niente di difficile, non sarà nemmeno un I grado) si accede allo spallone ovest a pochi metri dalla cima che si raggiunge agevolmente tra un intrico di mughi e roccette. Il panorama è molto vasto, fino al mare nelle giornate limpide. Per il ritorno io ho utilizzato il percorso di andata. Però esiste, ma non so nulla della percorribilità, la possibilità di scendere sul versante est e ricollegarsi al sentiero di salita presso il bivio alla base del ghiaione di cui si diceva prima. Ripeto, fino a qualche anno fa esisteva questa possibilità, adesso non so. Tempi: da Borgo Costa alla vetta, almeno 3,5-4 ore. In totale 7-8 ore. In estate Malga Confin è adibita ad agriturismo ed è permesso proseguire in auto oltre Borgo Costa e salire direttamente alla malga. E' indubbio il vantaggio di tempo che si guadagna ma la strada è bianca e molto sconnessa e c'è quindi pericolo di rovinare l'auto. Poi, vedi tu. Il Parco delle Prelapi Giulie ti può dare info sui periodi di apertura della malga e la percorribilità della strada.
Ciao, Giuseppe.
Messaggio
21-04-2006 00.00
ivo.sentierinatura ivo.sentierinatura
Volevo segnalare anche le belle foto di Elio Copetti riguardanti la salita al Lavara all'indirizzo :

http://www.arteadesso.net/public/yappa-ng/index.php?album=%2Felio%2Fmontagne_2004%2Flavara&

Per quanto riguarda invece SentieriNatura in effetti questa bella cima manca nelle descrizioni ma abbiamo pianificato l'escursione per questo autunno.

Un saluto a tutti
Ivo pecile
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva