il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 107 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 8
Messaggio

ciao a tutti

25-03-2003 00.00
Gianluca Spizzo Gianluca Spizzo
ciao

oggi ho scoperto questo sito fantastico, l'ho già comunicato a tutti i miei amici di monti.

Avevo una domanda per voi: quest'anno io e altri 3 amici vogliamo fare l' anello del Monte Plauris: da Portis su per la Val Lavaruzza, rifugio Bellina (pernottamento), Monte Plauris, eventualmente un salto sul Làvara, e poi giù verso il rifugio Franz (eventuale pernottamento), e verso la valle del Fella.
C'è qualcuno che l'abbia fatto, e che mi sappia dare informazioni?

Questo giro l'ho trovato su una guida tascabile del Parco Naturale delle Prealpi Giulie, ma la guida è di un po' di anni fa, e data la natura di quelle montagne, non è che mi fidi molto di come possa essere adesso.

ciao, mandi a duc, Gianluca
Messaggio
25-03-2003 00.00
Christian Christian <chri@infis.univ.ts.it>
Ciao, il sentiero 728 da Portis e' ufficialmente chiuso per una frana incombente. Si puo' passare ma a proprio rischio e pericolo (cosi' mi hanno detto, non ho visto di persona). Il modo piu' facile per andare sul Plauris e' il 701 da Tugliezzo (ma essendo tutto a nord aspetta ancora un po'). Da sud il sentiero c'e' (si parte dalla val Venzonassa 705a) ma e' mal tracciato e poco mantenuto (oltre che caldissimo nel priodo esitvo). Ho sempre fatto il Plauris in giornata e quindi non ti so dire niente dei bivacchi.
Messaggio
25-03-2003 00.00
Nicola Nicola
Ciao...

Io sono salito sul Plauris partendo da Tugliezzo...
La salita e' veramente lunga fino al passo Maleet, ma non particolarmente impegnativa... solo l'ultima strappo che porta in cima si e' rivelato molto scorbutico per la friabilita' del terreno.

Sull'altro versante ho percorso la val Lavaruzza fino al bivacco... mi ricordo un tratto particolarmente faticoso... una specie di zoccolo roccioso che si sale a stretti tornanti per accedere al solco dell'antico ghiacciaio pensile. Il tratto dal bivacco al Plauris non dovrebbe essere problematico a parte, come dicevo, il tratto finale.

A questo proposito, se non mi ricordo male, ci sono due vie per accedere alla cima nella parte finale.

Una (cito quello che mi ricordo dalla guida che ho letto) percorre un canalone che la guida definiva piu' o meno infido.

L'altra (quella che ho percorso io) accede a un intaglio tra il Plauris e uno sperone roccioso che guarda giu' verso la val Venzonassa; dall'intaglio si gira a sinistra a per tornatini si arriva in cima... questa tratto e' esposto a sud quindi credo che sia libero dalla neve.

Sperando di non aver detto corbellerie (vi prego di correggermi) ti auguro buona escursione.
Saluti a tutti.

Nicola
Messaggio
25-03-2003 00.00
Giuseppe Giuseppe
Io l'ho fatta in senso inverso in giornata l'ultima volta in maggio 2002. Da Tugliezzo a passo Maleet è lunga ma mai difficile. Il Rif. Franz è molto spartano. Dal passo all'intaglio sulla cresta del Plauris è faticosa e l'ultimo tratto è su un canale marcio ma mai pericoloso. Poi sono ritornato a Portis per la Val Lavaruzza passando per il Rif. Bellina (che è un ottimo rifugio ma da questo stesso forum ho appreso che quest'autunno il vento l'aveva scoperchiato, adesso non so come sia). La frana in Val lavaruzza, ben più giù del Bellina c'è ed è anche instabile. A detta delle guide alpine è sconsigliato passarci sotto. Consiglierei di partire da S. Antonio (versanate sud), raggingere la mulattiera (non segnata dal CAI ma ben percorribile) che da Casera Ungarina percorre tutto il versante sud ovest del Plauris 200m circa sopra il sentiero segnato che porta alla Casera e lì si congiunge. Quel sentiero arriva in quota in Val Lavaruzza proprio al Rif. Franz. Attenzione: è molto lunga ma bellissima.
Ciao e buona scarpinata.
Messaggio
25-03-2003 00.00
DMT DMT
c'e' un'ulteriore alternativa per il Plauris partendo da Povici
in val Resia CAI 702 si visita il borgo minerario
(ottimo rifugio ristrutturato) poi per forcella Slips
(1700m-ancora neve domenica scorsa abbiamo dovuto rinunciare)
il tratto da forcella a vetta non e' copletamente segnato
ma si combina
per andata e ritorno danno 9ore!
Messaggio
27-03-2003 00.00
Luca Luca
Benvenuto Gianluca

Non sono mai stato sul Plauris!
Spero che quando l'avrai fatto ci racconterai come e' andata?

ciao
Messaggio
27-03-2003 00.00
Gianluca Spizzo Gianluca Spizzo

ok, quando andremo su vi saprò dire.
Comunque, per impegni di lavoro, non penso di poterlo fare
prima di fine maggio.

ciao, G.
Messaggio
02-04-2003 00.00
giorgiobraidotti@tin.it giorgiobraidotti@tin.it
Purtroppo da qualche anno dopo le ultime forti precipitazioni il sentiero che parte da Portis per la Val Lavaruzza è completamente franato e inagibile.
Mi dicono che ti conviene salire dalla Malga Confin nella Val Venzonassa se vuoi raggiungere il Bicacco Bellina.
Buona camminata.........
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva