il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 116 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

Ai vecchi borghi di Tamar e Palcoda da Tramonti di Sotto
N. record trovati: 23
Messaggio
18-10-2021 00:00
daniele.russo daniele.russo
Effettuata ieri, 17/10/2021. Escursione semplice e piacevole, oltre che interessante. Le possibilita' di esplorazione in realta' sono molteplici, anche se per questioni di tempo ieri ci siamo attenuti al tracciato originale... Incuriosiva tuttavia la deviazione alla cascata, e un altro sentiero che si dipana su morbido fondo erboso dalla strada che contorna il ricovero. Tutto il percorso e' comunque ottimamente segnalato da cartelli in legno e i sentieri sono ottimamente percorribili. Avvistati camosci
Messaggio
16-09-2019 16:50
sandra.sentierinatura sandra.sentierinatura
Da Comesta saliti a Tamar su sentiero. Alberi abbattuti dalla tempesta di fine ottobre sono stati sistemati. Nel piccolo borghetto tutto è in ordine e curato; le due stanze aperte del ricovero dotate entrambe di stufa. All'esterno c'è chi si prende cura di uno spazio ad orticello. L'impressione, come sempre, è quella di uno spazio di pace.
Messaggio
19-01-2019 19:26
giuseppe.venica giuseppe.venica
Escursione effettuata il 19/01/2019. Dalla località Comesta al borgo Tamar è tutto come descritto da SN. Da Tamar ho seguito l’indicazione per Palcoda; al successivo bivio (a dx per Campone) proseguo a sx transitando davanti un complesso abitativo ridotto a ruderi. Da qui il sentiero, alternando tratti più ripidi a tranquilli traversi, su terreno a volte inerbito a volte detritico, scende fino ad intersecare il greto del Chiarzò. Attraversato il torrente in un punto in cui scorre tranquillo, si prosegue risalendo lungo la sx orografica, guidati da segnavia azzurri. Ad un successivo bivio, una tabella indica la possibilità di proseguire verso la cascata “Pisulat”; su percorso un po’ impegnativo, traversando un paio di volte il greto del torrente, si giunge al cospetto dell’enorme cascata. Ritornati al bivio precedente, la tabella per Palcoda indica di passare sulla sponda dx del torrente, dove ci attende un ripido sentiero che transita alto sulla cascata, per poi ridiscendere al greto; un breve doppio attraversamento e ci si ritrova sul percorso principale per Palcoda. Nel tratto finale del rientro merita la breve deviazione per il Vuar dove si possono vedere gli imponenti ruderi del “Palazzo dei Rugo”. Quasi tutto il percorso è stato ripulito, i pochi schianti rimasti si superano agevolmente. Il piccolo ed accogliente ricovero in legno a Palcoda è chiuso. Buone camminate a tutti. Bepi (Cividale).
Messaggio
22-10-2017 00:00
budieseverde budieseverde
Visto il meteo incerto,ieri abbiamo scelto questa meta relativamente vicina e poco impegnativa. Come qualcuno ha gia' scritto, il sentiero rischia di diventare un po'pericoloso in caso di abbondanti piogge (foglie,tratti leggermente esposti,guadi..),ad ogni modo e' piacevole e presenta una discreta varieta' di ambientazioni:a mio avviso sono stupendi i tratti completamente ricoperti di foglie dai colori autunnali e quelli che costeggiano i torrenti. Interessante la visita agli antichi borghi, resi ancora piu' suggestivi dalla particolare vegetazione, dalla nebbiolina e dal grigiore che contraddistinguono questa giornata. Il sentiero e' ben segnalato, aggiungo "per fortuna" in quanto la copertura telefonica e' praticamente assente lungo tutto il percorso. Consigliato! (occhio alle zecche!!!!)
Messaggio
03-03-2017 13:32
francesca francesca
Effettuato ieri questo affascinante percorso partendo da Tramonti di sotto in maniera diversa rispetto a SN e con una variante: raggiunto prima il borgo di Pàlcoda poi salita al Monte Celant ed infine borgo Tamar. Utilizzati gli stessi sentieri, ben segnalati e in ordine, per la visita dei borghi, ma in senso orario. Nel tratto dalla forcellina mt 663 a Tamar nessun punto esposto, almeno io non me ne sono accorta, oppure il sentiero è stato allargato o migliorato. Ieri alcuni punti scivolosi resi tali dalle piogge, specialmente dove si cammina sui sassi. Guadi senza problemi per l'acqua bassa, ma una pioggia abbondante potrebbe pregiudicarne l'attraversamento. Trovato l'itinerario variegato ed estremamente interessante dal punto di vista storico e ambientale, tante cose da vedere, approfondire, e non mancano particolarità come il "leone" con criniera nella roccia, segnalato e situato pochi metri prima della selletta quota 663 provenendo da ovest. Abbiamo avuto la fortuna di osservare ben 4 camosci, uno appollaiato sulle rocce dopo Crovat, gli altri tre sulla forestale per il Celant, ad una distanza di 100 mt ca. Questi, nonostante si fossero accorti della nostra presenza, continuavano a brucare e talvolta ci guardavano ignari. Di ritorno dalla cima erano ancora là, totalmente immersi nel loro ambiente, poi hanno preso la fuga al nostro avvicinarsi, ma 'ci' potevamo ancora osservare vicendevolmente dentro la faggeta:).
Messaggio
06-01-2016 19:51
anXiah anXiah
Percorso oggi. Dopo un po' di neve e pioggia dei giorni scorsi il sentiero era bello scivoloso e arduo ma molto divertente e avvincente allo stesso tempo. Nessun problema di segnavia, l'itinerario è molto frequentato ed abbastanza evidente. Bellissima la cascata un po' prima di Palcoda (occorre seguire un torrente in una zona senza sentiero). Gianluca
Messaggio
07-04-2015 15:15
r.pagu r.pagu
Percorso effettuato poco prima di Pasqua, con l'amico Walter. Un bel giro, molto vario il paesaggio; sentieri a posto. Noi abbiamo deviato verso sinistra per visitare la fornace ed una bella cascata (dipende se c'e' acqua!) non segnalata poco prima del borgo, e poi per bolli rossi si arriva tra le case da sopra. Posto affascinante e tetro. Per il rientro ci siamo fatti tentare dalla traccia che segue per un tratto il torrente Chiarzò e poi sale verso Tamar; il torrente va guadato alcune volte, per cui sarebbe bene valutare la portata d'acqua prima di effettuare questa variante. Unica segnalazione: zecche in attività! RP/WT
Messaggio
20-03-2015 14:07
sandra.sentierinatura sandra.sentierinatura
15/03/2015-Una visita a Tamar e a chi con passione dedica il suo tempo al ripristino e al decoro del piccolo borgo. C'è un discreto via vai di escursionisti, chi visita il borgo per la prima volta e chi invece è vecchio del mestiere. C'è ospitalità per tutti. Sentieri ben aperti, un luogo di pace e tranquillità.
Messaggio
27-12-2014 18:35
askatasuna askatasuna
Curiosando tra puntinamenti ed isoipse mi son visto catturare dal tratteggio che porta al monte Celant. La fantasia si mette in moto e ne nasce un anello che comprende Tamar e Palcoda. Marco dimostra il suo raibliano entusiasmo per la proposta che ben si confà al suo spirito d’indagatore di mete ignorate. Prendendo a destra la prima strada di Tramonti di Sotto si giunge al guado. Oltrepassato il Tarcenò l’inizio della traccia è indicato da una tabella. L’evidente mulattiera nel suo inerpicarsi si trasforma in comodo troi caratterizzato dai pini. Uno di essi, reagendo al fenomeno naturale che gli ha rotto la testa, ha pensato bene di far spuntar tre braccia dal suo tronco trasformandosi in un enorme candelabro. La pendenza scema di colpo e un traverso accompagna verso oriente fino all’apparizione sulla destra di bolli rossi cerchiati di bianco: è il segno che la salita rincomincia. Ben indicata, invita a rimontar tra le alte erbe mentre gli alberi si diradano e lascian spaziare uno sguardo che scivola sul Meduna fino a scontrarsi con il Rest e la dorsale del Roppa Buffon. Più in alto s’interseca una strada forestale e in pochi minuti s’è in cresta. Bellissimo il colpo d’occhio che abbraccia Raut, Dosaip e Caserine a est, mentre a ovest ci si intrufola nella valle di Campone scorrendo i piccoli borghi inghiottiti dalle ombre del Rossa e del Ciaurlec, con il Pala, in lontananza, a simular un dolciume natalizio. La discesa segue il filo di cresta e consente due alternative. Più avanti piegando a sinistra i bolli guidano placidi alla forestale che zigzaga sicura fino a Tamar. Immersi nel mood salvadi noi proseguiamo lungo il filo per ritrovar la traccia che sale da Campone sotto quota 750. Qualche segnavia giallorosso appare in un bosco affollato ma scendere a istinto è preferibile tanto più che tra le nudità arboree già si intravedono le mura di Tamar. Il bivacco toglie il fiato. L’amore con cui la pietra s’è unita al legno di quella facciata va ben oltre la dedizione a luoghi e montagne. Ce lo svela Miniutti, indicandoci delle foto in bianco e nero in cui è ritratto il nonno e la madre, anch’essa nata in quell’abbraccio di mura. Seguiamo il suo consiglio optando per una via alternativa per Palcoda che dal borgo scende verso il Chiarzò. Il troi è molto vario nella sua brevità tanto che in pochi metri troviam los dos hermanos Helleborus fioriti entrambi. Risalire il rio con piccoli guadi diverte mentre il silenzio si specchia in quelle acque cristalline. La cascata del Pissulat esce da uno di quei sogni perfetti che raramente Morfeo concede. Strega. Se solo non fosse tardi! Ritorniam sui nostri passi per riprendere il bivio verso Palcoda a circa metà greto. La chiesetta, scintillante ci attirava come falene fin dai rivali del Celant. Il benvenuto è un inaspettato croco fiorito. Bianco, come le striature delle due uniche e lunghe foglie che puntan al cielo. Entrare in questa nicchia di storia impone passi lenti e soffici. Si calpestano memorie. Palcoda è un’ansia di vita adagiata ai piedi dei bastioni del Brusò, un’oasi di fatica e di pace curata nei minimi dettagli, sublimata dagli archi di pietra degli uomini che ora s’intrecciano ai verdi. Richiede una lunga immersione silente che sgomenta l’immaginazione. Le porte della chiesa poi, sono pura maestria. Opere d’arte che paion vive e pulsano d’inquietudine. Il sole inizia la sua corsa dietro il sipario e noi con lui per il troi 831a. A Comesta un asino rauco si concede solo a carezze farcite di verde. Anello splendido che sorprende per la sua capacità di toccare ogni corda emozionale. Così proposto richiede sette ore di cammino e 1100 metri di dislivello. Lo valuterei con una seconda e minuscola per gli ambienti e la risalita verso la cascata che diventerebbe assai perigliosa in presenza di ghiaccio.(21.12.2014)
Messaggio
11-11-2013 16:22
guido.z guido.z
Sono partito ieri con l'idea di fare tutto l'itinerario passando prima per Tamar e poi per Palcoda, ma poi il progetto è svanito per due motivi: primo perchè giunti a Tamar ha iniziato a piovere, secondo perchè in questa località ho trovato una calorosa accoglienza da parte di Renato Miniutti, della sua gentile signora e dei loro simpatici amici che si trovavano nel bel bivacco dedicato a G. Varnerin. Quindi.... castagne, vino, caffè, dolcetto e grappa e il progetto è sfumato. Ma mi è andata bene lo stesso perchè ho potuto conoscere Renato che in poco tempo mi ha illustrato le numerose possibilità di escursioni nella zona (tutte ricomprese nel suo bel libro che non ho mancato di acquistare). Quindi è come se avessi fatto tutto il giro e anche di più. Ma, a parte gli scherzi, Renato mi ha trasmesso la voglia di esplorare quei magici luoghi che comunque avevo già iniziato ad apprezzare nel breve tratto che avevo percorso (per la precisione salito a Tamar dalla parte del bosco -subito a destra poco dopo la sbarra- e disceso per la forestale).
A presto da quelle parti.
Messaggio
14-07-2013 11:54
youfool youfool
Siamo partiti da loc. Comesta diretti a Pàlcoda senza passare per Tamar.
E' una bella camminata, durante la quale si incrocia più volte il torrente con la possibilità di rinfrescarsi a delle gradevoli cascatelle.
Non suggeriremmo però questo percorso ad escursionisti non adeguatamente equipaggiati con scarponcini (come invece ci è capitato di incrociare sul posto...) e tanto meno a famiglie con bambini per via del sentiero spesso sassoso e scivoloso e, per brevi tratti, un po' esposto.
Bella camminata da fare con serenità, ma con un po' di attenzione.
Tempo di percorrenza: 2ore e mezzo in salita, un'ora in discesa.
Messaggio
26-04-2013 15:49
stefano.pletti stefano.pletti
Ieri partito da campone in località barzanai, seguito la traccia del sentiero che costeggia il torrente chiarzò fatta da frecce blu fino alla cascata del pisulat, poi tornati inditro di poco si è saliti per palcoda, successivamente si è andati a tamar.Di qui le scelte per tornare a campone erano due: la prima(quella fatta noi,) seguire per brusat per un centinaio di metri, poi seguire una traccia sulla destra all'inizio non segnalata da cartelli(poi si) e scendere sul chiarzò e tornare indietro alla macchina. la seconda sarebbe stato un sentiero che porta a campone centro, ma di cui non conoscevo le condizioni,se qualcuno sa qualcosa a riguardo sarei ben lieto di sapere com'è il sentiero. Percorso molto bello, svolto in 6 ore circa. Per foto e descrione precisa andate a leggere la relazione fatta a riguardo nella sezione relazioni.
Buona vita
Messaggio
04-02-2013 13:46
luciano.piccin luciano.piccin
Il 3 febbraio 2013 da loc.Comesta di Tramonti di sotto. Il sentiero per Palcoda è libero dalla neve che comunque è presente solo a chiazze. Richiede solo un po'di attenzione il traverso che dalla forcella "in cima Pala" conduce a Tamar.
Messaggio
10-03-2012 00:00
diego.vr@alice.it diego.vr@alice.it
il percorso da Campone a Palcoda è molto suggestivo ma richiede delle attenzioni nella risalita del torrente che si guada più volte e da non farsi in caso di ingrossamento della portata di acqua. Rientrare per Tamar è facile ma ridiventa impegnativo e lungo tornare a Campone. Mi associo alle raccomandazioni qui descritte. Raggiungete Tramonti di Sotto e poi Comesta in auto e sarà una bella camminata comunque. Vedi anche www.caisanvito.it alle pagine del bivacco Varnerin. Cordiali saluti.
Messaggio
08-03-2012 00:00
fabrizio.franzoi@gmail.com fabrizio.franzoi@gmail.com
da Campone si possono raggiungere i borghi di Tamar e Palcoda sia risalendo il Chiarzò sia con il sentiero alto raggiungendo Tamar. Entrambi sono, secondo me, piuttosto impegnativi per dei ragazzi. io ti suggerisco di raggiungere Tamar da Comesta e raggiungere poi Palcoda. comunque anche qui nell'attraversamento da tamar ci sono alcuni punti nei quali il sentiero è piuttosto stretto e un pò esposto. buona montagna
Messaggio
05-03-2012 00:00
boschianchiara@hotmail.com boschianchiara@hotmail.com
Più che un commento la mia è una richiesta: a maggio dovrò portare un gruppo di ragazzi delle superiori a fare una camminata (staremo 3 giorni a Campone). Questo percorso è troppo impegnativo per un gruppo di ragazzi misti (chi fa sport e chi no)?grazie, Chiara
Messaggio
08-10-2011 00:00
denismitri denismitri
Escursione effettuata l'1/10/2011 Segnalo che ora tutta la chiesa è stata ristrutturata. Abbiamo avuto anche la fortuna di incontrare i volontari che con la loro opera hanno reso possibile il recupero della chiesa Denis
Messaggio
16-06-2008 00:00
cadan@tele2.it cadan@tele2.it
15-06-2008 A Tamar si trova un molto accogliente. Carlo
Messaggio
03-06-2008 00:00
lis.vit@gmail.com lis.vit@gmail.com
Purtroppo non siamo arrivati fino alla fine per via delle zecce! Fate molta attenzione.. ce ne sono davvero tante.
Messaggio
13-12-2007 00:00
francesca.bomben@tele2.it francesca.bomben@tele2.it
Per chi conosce bene il percorso: consigliabile nel periodo invernale se in assenza di neve? Grazie
Messaggio
09-07-2007 00:00
musianpietro@hotmail.com musianpietro@hotmail.com
01/06/07 Escursione molto selvaggia.. Si possono incontrare diversi annimali mufloni stambecchi e molti ramarri. L'unica attenzione sono le zecche!!! Buona escursione Pietro
Messaggio
09-07-2007 00:00
mazcri1@gmail.com mazcri1@gmail.com
Sentiero molto bello,A Tamar alcune case sono in fase avanzata di restauro.Il Campanile di Palacoda è finito al contrario della chiesa.ATTENZIONE:Nel periodo estivo ci sono molte zecche nell erba alta.Controllatevi spesso gambe,braccia e zone nascoste.Usate prodotti repellenti.
Messaggio
05-04-2006 00:00
carlo-basso@libero.it carlo-basso@libero.it
Il campanile e la chiesa di Palcoda sono in fase di restauro, ora il borgo è visibile anche dalla forcelletta al bivio BIV-831A. Più sotto della forcelletta, al livello del torrente Chiarzò si trova un ulteriore bivio con indicazione Cascata del Pisul ed un cartello con la storia di Palcoda: ATTENZIONE la traccia è poco visibile (seguire gli ometti) e molto esposta. In ogni caso merita una visita alla cascata
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva