il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 121 ospiti - 3 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

Coglians (Monte)
N. record trovati: 5
Messaggio
24-09-2018 10:54
renatospa renatospa
23-9-2018 Salita sul tetto del Friuli partendo dal Tolazzi passando per il Lambertenghi ed intraprendendo poi il 145 (Spinotti)fino a ricongiungersi con il 143 proveniente dal Marinelli e che porta sulla cima.Oggi il Coglians ha gratificato i suoi salitori con un panorama veramente mozzafiato.Buone montagne a tutti.
Messaggio
08-08-2018 17:36
MauroGo MauroGo
Salito oggi sulla cima del Coglians, partendo dal rifugio Tolazzi e facendo la ferrata "facile" (Koban-Prunner) sulla parete nord. Ferrata facile per modo di dire ... i primi 200 m sono in libera con difficoltà che non raggiungono il II grado (diciamo II- in qualche punto), poi cominciano le attrezzature, che sono nuovissime e in ottime condizioni. Nella seconda parte le due ferrate confluiscono. Nel complesso la parte attrezzata della K.-P. non supera il livello C sulla scala austriaca delle ferrate. Il famoso nevaio da attraversare prima della confluenza delle due ferrata è ridotto ai minimi termini e non dà alcun fastidio: non servono i ramponi! Panorama a tratti dalla cima verso le 10.40, meglio verso nord. Tutto ok lungo la normale, usata per la discesa, nessun nevaio da attraversare, solo fare molta attenzione a non scaricare sassi. Viste 4 salamandre alpine lungo il percorso far il Tolazzi e il Lambertenghi.
Messaggio
23-08-2013 18:32
frenk68 frenk68
in data 22.08.2013 abbiamo raggiunto la vetta del coglians alle 9 del mattino,partendo dal rifugio marinelli ove avevamo pernottato,(un plauso a tutto lo staff del rifugio per l'accoglienza la cortesia,la bontà della cucina,e la pulizia trovata nei locali)escursione faticosa ma ripagata da un panorama straordinario avendo avuto la fortuna di trovare il cielo libero da nuvole,essere sopra il tetto del"nostro"friuli dà un senso d'appagamento unico e non si vorrebbe più scendere dalla cima.Volevo aggiungere una nota,nel tratto vicino forcella monumenz dove si trova una piccola cengia malagavole sarebbe d'aiuto un cavo passamano che possa facilitare il passaggio.Un cordiale saluto a tutti gli amanti della montagna
Messaggio
21-07-2013 16:37
cabicabas cabicabas
Sentiero eseguito dopo 25 anni dalla ultima volta in una giornata di metà settembre dello scorso anno.
Giornata freddina ma stupenda, rifugi chiusi (il Tolazzi totalmente e il Marinelli come se lo fosse stato).
Escursione stupenda.
Fare attenzione ai faticosi ghiaioni (ho distrutto gli scarponi).
Panorama che apre il cuore.
Messaggio
09-07-2012 19:43
lorenzo.cocianni lorenzo.cocianni
Salito in data 8 luglio per la stupenda e lunga ferrata della parete nord e rientro per la via normale al Marinelli. La salita mattiniera e fresca al Lago di Volaia ripaga dell'afa in pianura e l'avvicinamento al Valentin Torl è splendido. Risalita per ghiaioni fino all'attacco della nuova via Il primo tratto di ferrata è decisamente verticale ed impegnativo con un primo traverso mozzafiato con tacchette scavate nella roccia. La salita prosegue per tratti più o meno verticali fino a raggiungere l'anfiteatro posto a metà parete dove giunge la vecchia via, neve non c'è e si prosegue tranquilli seguendo il filo d'Arianna del cavo fino a sbucare in cresta dove la nebbia non permette di vedere alcun panorama. La ferrata in cresta è molto divertente, peccato non poter vedere niente,si arriva presto in cima per suonare la campana. Il tempo non cambia quindi decido di scendere per la via normale dove l'unica insidia sono i numerosi detriti presenti nella parte alta dove in caso di affollamento non è facile evitare un' eventuale caduta sassi. Diciamo porre attenzione nel caso di certi escursionisti non molto attenti...come mi è capitato. Discesa fino al bivio dello Spinotti e da qui discesa diretta per sentiero nero lungo il vallone che scende verso il Tolazzi. Si esce sulla strada bianca un tornante prima della Casera Moraret. Da qui rientro con il 143 al Tolazzi. Anello molto appagante
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva