il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 87 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

Sulla dorsale del monte Corno dalla sella di Cima Corso
N. record trovati: 6
Messaggio
10-01-2021 11:06
stefano.devecchis stefano.devecchis
Una piccola ma appagante variante all'itinerario proposto è costituita dalla deviazione verso il "Belvedere Nasat"sperone roccioso che si affaccia sulla Val Tagliamento con vista spettacolare verso Tamai,Arvenis, Sernio, Amariana, Plauris, con le Giulie a fare da sfondo. Se c'è pure la neve fin da Cima Corso diventa anche una magnifica ciaspolata. Dalla Baita si seguono i bolli azzurri e le indicazioni per "Nasat"che entrano nel bosco. Usare cautela nel raggiungere il belvedere, provvisto di campana e libro delle firme. Il rientro può svolgersi più liberamente sotto le pendici settentrionali del M.Pelois puntando sempre a rientrare verso la piccola baita. Da qui si può proseguire verso il M.Corno. I segnavia del sentiero 239 sono ben visibili oltre la neve ma alcuni brevi traversi del versante meridionale richiedono neve assestata, cautela e adeguata esperienza di escursioni invernali. Per i più, basta seguire il tracciato della carrareccia che collega i principali punti di interesse della dorsale M. Pelois- M. Jof- M.Corno realizzando così una bellissima ciaspolata ad anello.
Messaggio
05-09-2020 09:05
daniele.russo daniele.russo
Un aggiornamento rispetto alla relazione: alla partenza, l'osteria si chiama ora "monte Jôf"; d'altra parte dello skilift non c'è traccia. La salita iniziale fino alla baita è il pezzo più faticoso come pendenza; poi il resto del percorso, fino al monte Corno, si svolge tutto su un comodo saliscendi. Peccato non poter salire sulla cima del Corno, la vegetazione rende quasi impossibile trovare una via. Tornando indietro, ho provato una piccola variante, proseguendo sulla strada principale invece che riprendere la strada della salita a destra; qui, sul versante settentrionale, si può ammirare meglio il monte Timida e la valle sottostante. In ogni caso dopo poco la strada si ricollega al percorso originale e la discesa procede come descritto. Il percorso è tenuto bene e si percorre agevolmente, anche il piccolo tratto di sentiero nel bosco
Messaggio
11-11-2017 20:35
loredana.bergagna loredana.bergagna
Una rilassante passeggiata attraversando un bosco che oramai la lasciato cadere a terra i suoi luminosi colori che adesso accarezzano ogni passo. Percorso l'anello in senso orario come proposto da SN, mi sono concessa qualche divagazione andando a curiosare su alcune tracce e cercandone altre che compaiono sulla Tabacco digitale. Discesa proseguendo lungo la pista che aggira il monte Corno e seguendo poi il sentiero con indicazioni “Fontana”, tagliando così un tratto di mulattiera. I ruderi dello stavolo Claupa di Sopra sono sempre più ruderi, è rimasta in piedi una sola facciata con una finestra a prima vista alquanto instabile.
Messaggio
31-10-2016 20:22
ectorus ectorus
A distanza di 6 anni, son tornato su questo percorso, ma questa volta girando in senso anti orario. Diverse nuove strade sono state realizzate, non risultanti sulla carta tabacco, ma il percorso resta intuitivo. Bel percorso.
Buona vita a tutti
Messaggio
13-10-2010 00:00
ectorus ectorus
percorso che consiglierei nel periodo autunnale, quando faggi e aceri prendono un colore da favola. Molto bella e funzionale la baita Jof a q.ta 1107, adibita a ricovero...di lusso. Buona vita a tutti
Messaggio
03-06-2009 00:00
raffix@libero.it raffix@libero.it
Bello anche in estate! Panoramone dopo la salita
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva